Glicemia Alta: Cause, Sintomi e Valori Normali

Quando viene prescritto questo esame e quali sono i valori di riferimento?

Di solito il medico ritiene opportuno prescrivere questo esame quando si presentano alcuni dei sintomi principali del diabete. Esistono diversi esami, più specifici di questo, per fare una diagnosi di diabete, ma, in genere, questo è il primo passo che si fa per la diagnosi di tale condizione patologica.

L’esame della glicemia viene richiesto quando si manifestano, più in generale, i sintomi di uno stato di “iperglicemia” (glicemia alta cioè alti valori di glucosio), anche se a volte sono gli stessi sintomi del diabete.

Essi sono principalmente i seguenti:

  • Sensazione di affaticamento;
  • Secchezza delle fauci con conseguente aumento della sete;
  • Infezioni difficili da guarire;
  • Aumento di frequenza della minzione.

Inoltre, è possibile ricorrere a questo particolare test anche nel caso in cui si sospetti, in realtà, il contrario, ovvero una bassa glicemia, che può essere introdotta da sintomi quali:

  • Stato di ansia;
  • Confusione;
  • Tremori;
  • Sudorazione intensa;
  • Vista offuscata;
  • Fame continua.

Oltre ad essere molto utile per avvicinarci alla diagnosi del diabete, le analisi della glicemia risultano indispensabili anche per il monitoraggio di questa malattia, più che altro per verificare se la terapia sta procedendo nel migliore dei modi.

Per quanto riguarda i valori di riferimento per la glicemia, visto che abbiamo due modi diversi per effettuare la pratica, avremo due condizioni diverse per i valori normali, ossia:

  • Circa due ore dopo l’assunzione di un pasto:
    Soggetti sani: valori <140 mg/dL;
    Condizione di pre-diabete (intolleranza glucidica): valori compresi tra 140 e 200 mg/dL;
    Condizione di diabete: valori che superano i 200 mg/dL;
  • Paziente a digiuno:
    Soggetti sani: valori tra 71 e 98 mg/dL;
    Condizione di pre-diabete (intolleranza glucidica): valori tra 100 e 125 mg/dL;
    Condizione di diabete: valore pari a 126 mg/dl o superiore.

Durante il decorso della giornata, invece, si considera già una manifestazione del diabete se i valori superano i 200 mg/dL. Invece, valori che vanno oltre i 400 mg/dl sono degni dell’attenzione immediata del proprio medico in quanto possono essere estremamente pericolosi.

Infine, bisogna sempre ricordare che i valori di riferimento possono essere soggetti a cambiamenti, seppur minimi, in base al laboratorio che si decide di frequentare.

Passiamo ora ad analizzare gli effetti di una glicemia alta.

Voltiamo pagina. 

1
2
3
4
5
Condividere su:

Leggi Anche

LASCIA UN COMMENTO