Gamma GT Bassa: Cause, Sintomi e Rimedi

Cosa sta ad indicare la sigla GGT? A cosa servono le gamma GT? Quali sono i valori di riferimento per questo parametro? Cosa succede nel caso in cui dai nostri risultati emergano dei valori troppo bassi? Ci sono dei rischi collegati? E che dire degli eventuali rimedi?

In questo articolo andiamo a parlare di un valore del sangue in cui è coinvolto il funzionamento del nostro fegato. Vedremo insieme quali sono le condizioni patologiche, e non solo, collegate a bassi valori di gamma GT, cercando di individuare insieme quali siano i fattori che determinato questo stato nonché le possibili conseguenze.

Cosa sono le gamma GT?

La sigla gamma GT si riferisce alla gamma glutamil transferasi, anche abbreviata con la sigla GGT. Si tratta di una sostanza che possiamo trovare soprattutto nei reni, nelle cellule pancreatiche e nel fegato. Proprio per il fegato, le gamma GT, costituiscono un ottimo indicatore di funzionalità.

Gamma GT bassaInfatti, quando i valori di questo parametro risultano essere troppo alti, generalmente, lo squilibrio è dovuto a un malfunzionamento del fegato. Di solito questo enzima si trova nel nostro sangue in basse quantità, ma quando il fegato è danneggiato i suoi livelli salgono notevolmente.

Il test delle gamma GT viene dunque in genere prescritto nel caso in cui si tema di registrare un valore troppo alto: sarebbe segnale di problemi piuttosto importanti per l’apparato epatico ed è uno dei test più comuni tra quelli che riguardano la diagnosi di problemi al fegato.

Passiamo ora ad approfondire quella che è la modalità con cui si esegue l’esame e quali sono i valori normali della gamma GT.

Voltiamo pagina. 




1
2
3
Condividere su:

Leggi Anche

LASCIA UN COMMENTO