Puntini Bianchi sul Glande: Cause e Rimedi

La comparsa di puntini bianchi sul glande o sul suo contorno (corona) è una condizione che può portare chi ne è colpito ad un forte stato di ansia e preoccupazione. Questo sia a causa della delicatezza della zona genitale che per via delle implicazioni psicologiche annesse.

Qualsiasi inestetismo visibile sulla superficie dei genitali può determinare forti ripercussioni psicologiche, sia perché il soggetto riconduce quella lesione alla manifestazione di una malattia sessualmente trasmissibile (abbreviata come MST), quale l’AIDS causata dal virus HIV o al segno manifesto di un cancro, sia perché l’alterazione può portare il paziente ad uno stato di vergogna, di forte imbarazzo e di isolamento.

Sembra doveroso, dunque, fare qualche precisazione sfatando quelle opinioni comuni che non si basano su dati oggettivi e che creano inutili ansie. La presenza di puntini bianchi sul glande, nella maggior parte dei casi, non ha un significato patologico.

Può essere, infatti, causato da molteplici fattori legati ad una non corretta igiene, a manifestazioni fisiologiche o para-fisiologiche o ancora di natura infiammatoria (come vedremo in seguito le macchie bianche possono essere dovute a semplici follicoliti, ossia lo stesso processo che porta alla formazione di brufoli su viso, collo e schiena).

Puntini Bianchi sul GlandeTalvolta il significato dei puntini bianchi o delle macchie può avere un’origine patologica, ma nella maggior parte dei casi si tratta di processi infettivi (sia a trasmissione sessuale che non). Ciò che deve essere ridimensionato è l’associazione delle macchie ad una manifestazione legata ad un tumore, difatti questa probabilità si riscontra in una minima percentuale di casi.

Un’altra rassicurazione deve giungere dal fatto che la comparsa di puntini bianchi sul glande è un’evenienza molto più diffusa di quanto si possa pensare. Inoltre, per il motivo che non si parli frequentemente di questo disturbo il soggetto precipita in uno stato di imbarazzo e vergogna, come se questa condizione fosse un vero tabù.

Come ribadito, quindi, questi puntini bianchi sul glande possono avere un significato del tutto innocuo e risolvibile ma, talvolta, anche un significato di interesse clinico più grave. Pertanto la raccomandazione è quella di rivolgersi in ogni caso alla visita di un medico con la massima tempestività.

Nel caso si provi un forte imbarazzo nel rivolgersi al proprio medico di base, per paura che ne parli con gli altri familiari in cura o per l’imbarazzo che si presenterebbe ad ogni successiva visita, si consiglia di farsi controllare presso i numerosi centri specializzati in malattie sessualmente trasmissibili (MST) o presso un medico specialista in andrologia.

L’importante, come ribadito, è di pensare alla propria salute e a quella del partner sessuale, rivolgendosi in ogni caso all’intervento di un medico evitando di affidarsi esclusivamente ai consigli leggi su internet senza consultare un medico.

I puntini bianchi sul glande non sono tutti uguali. Nella pagina successiva ci occuperemo di stilare una lista delle principali tipologie di questi inestetismi che possono comparire sull’organo genitale in questione. 




1
2
3
4
Condividere su:

Leggi Anche

LASCIA UN COMMENTO