Cefamezin® (Cefazolina): Indicazioni, Posologia ed Effetti Collaterali

Cefamezin® è un medicinale che viene prodotto e commercializzato dalla casa farmaceutica Pfizer Italia Srl. Il suo principio attivo è la cefazolina, un antibiotico che viene tipicamente utilizzato nella cura delle infezioni.

Forme farmaceutiche e dosaggio

Sono attualmente disponibili in commercio diverse forme farmaceutiche autorizzate di Cefamezin®:

  • 250 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare flacone da 2 mL;
  • 500 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare flacone da 2 mL;
  • 1000 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare flacone da 4 mL;
  • 1000 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso endovenoso flacone da 10 mL.

Meccanismo d’azione – Farmacodinamica

Il farmaco ha un’attività microbiologica e un’attività antibatterica. Il principio attivo, la cefazolina, agisce inibendo la sintesi della parete cellulare dei batteri e ha un’azione battericida sui germi Gram-positivi e sui germi Gram-negativi. Il farmaco agisce quindi contro le infezioni batteriche più disparate.

Indicazioni terapeutiche

Sono diverse le patologie che possono essere combattute ricorrendo a Cefamezin®. Il farmaco contiene cefazolina, un antibiotico che agisce contro le infezioni. Cefamezin® viene utilizzato per la cura di svariate patologie infettive come:

  • endocardite;
  • infezioni delle vie respiratorie;
  • infezioni del rene;
  • infezioni degli organi addominali;
  • infezioni della vescica;
  • infezioni degli organi genitali;
  • infezioni della pelle;
  • infezioni delle parti molli;
  • infezioni dell’uretra;
  • infezioni di orecchie, naso, gola e occhi;
  • infezioni dello stomaco;
  • infezioni del fegato;
  • infezioni delle vie biliari;
  • infezioni dell’intestino;
  • infezioni delle ossa;
  • infezioni delle articolazioni;
  • infezione della parete interna dell’addome;
  • infezione del sangue;
  • infezione dell’appendice.

Cefamezin® viene utilizzato anche per la prevenzione e il trattamento delle infezioni che possono comparire prima o a seguito di un intervento chirurgico.

Posologia e modalità di impiego

Per l’utilizzo del medicinale bisogna sempre seguire le istruzioni del medico. Nei bambini la dose varia da 20 a 50 mg per ogni chilo di peso in 2 dosi da somministrare ogni 12 ore. La dose giornaliera per gli adulti varia da 1 a 3 grammi in 2 dosi che vanno somministrate ogni 12 ore.

La dose giornaliera raccomandata per le infezioni gravi negli adulti va da 4 a 12 grammi in 3 dosi ogni 8 ore. Per la terapia e per le dosi maggiori bisogna sempre consultare il medico.

Cefamezin® può essere somministrato sia per via intramuscolare che per via endovenosa a seconda della forma farmaceutica. L’iniezione intramuscolare è consigliata per:

  • 250 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile in flacone da 2 mL;
  • 500 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile in flacone da 2 mL;
  • 1000 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile in flacone da 4 mL.

La fiala di solvente per l’iniezione è inclusa nella confezione e contiene lidocaina per alleviare il dolore dell’iniezione. Il contenuto della fiala del solvente deve essere aspirato con la siringa e iniettato nel flaconcino con la polvere.

Bisogna agitare il flacone con la soluzione fino alla totale dissoluzione della polvere. Dopo aver agitato si può aspirare il farmaco con la siringa. Cefamezin® va iniettato in profondità nel gluteo o della zona anteriore della coscia. Per assicurarsi di non aver toccato un vaso sanguigno bisogna aspirare con la siringa prima di iniettare il liquido.

L’iniezione endovenosa è invece consigliata per:

  • Cefamezin® 1000 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile flacone da 10 mL.

Il solvente va mescolato alla polvere nella fiala che si trova nella confezione. Il farmaco deve essere lasciato riposare fino alla completa dissoluzione della polvere.

Cefamezin® può essere somministrato al paziente in una vena con una infusione di 10 mL in 3 o 5 minuti il farmaco può essere somministrato sia in modo continuo che in modo intermittente. La fiala deve essere tenuta verticalmente facendo attenzione a tutte le istruzioni riportate in figura sul foglietto illustrativo.

Sovradosaggio

Non sono ancora noti effetti indesiderati causati da un sovradosaggio, ma in nessun caso bisogna assumere dosi eccessive di farmaco. Se il paziente assume dosi eccessive di Cefamezin® deve consultare il medico.

Controindicazioni

Sono diversi i casi in cui è controindicata la somministrazione di Cefamezin® al paziente. In primis va considerato il caso di ipersensibilità verso il principio attivo cefazolina o verso gli eccipienti o componenti contenuti nella formulazione (lidocaina cloridrato, acqua per preparazioni iniettabili).

Se il paziente è allergico agli antibiotici o alla penicillina il farmaco è controindicato. In caso si presenti una reazione allergica bisogna contattare subito il medico e interrompere immediatamente la terapia.

Precauzioni per l’uso

Il medico deve essere informato se il paziente ha o ha avuto una reazione allergica alle cefalosporine, alla penicillina o agli antibiotici in genere. Se il paziente ha di problemi ai reni o è sottoposto a dialisi deve informare il medico che controllerà il funzionamento dei reni a cadenza regolare e adatterà la dose di Cefamezin® alle condizioni del paziente. Il farmaco potrebbe alterare la normale flora batterica intestinale e causare diarrea. In questo caso bisogna contattare il medico.

Gravidanza e allattamento

In gravidanza il farmaco deve essere utilizzato se i benefici superano i rischi e sempre e solo sotto stretto controllo medico. In caso la paziente sospetti o stia pianificando una gravidanza deve avvertire il medico. Anche durante l’allattamento il farmaco deve essere somministrato alla paziente in casi di necessità e se i benefici superano i rischi.

Interazioni con altri farmaci

Sono presenti importanti interazioni tra la cefazolina ed altri principi attivi presenti in altri farmaci. È consigliato tenere conto delle potenziali interazioni prima della somministrazione di Cefamezin®. Se il paziente sta assumendo o dovrà assumere qualsiasi altro medicinale deve consultare il medico. Il farmaco può interagire con:

  • warfarin (farmaco che inibisce la coagulazione del sangue);
  • probenecid (farmaco per la cura della gotta e contro l’accumulo di acido urico).

Il farmaco interagendo con il warfarin potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento. Interagendo con il probenecid potrebbe aumentarne gli effetti.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali sono essenzialmente limitati ai fenomeni di ipersensibilità. Gli effetti collaterali da ipersensibilità sono più comuni nei pazienti che abbiano precedenti di allergia, asma, orticaria e febbre da fieno.

Sono stati osservati alcuni effetti collaterali sporadici come: nausea, vomito, diarrea, bruciore di stomaco, dolori addominali, senso di pesantezza toracica, vaginite da Candida, variazioni nei valori delle analisi, vertigini e giramenti di testa.

Ricetta, Regime di Dispensazione e Prezzo

Cefamezin® 500 mg flacone da 2 mL e Cefamezin® 1000 mg flacone da 10 mL appartengono alla classe C e sono a totale carico del cittadino, mentre Cefamezin® 250 mg e Cefamezin® 1000 mg flacone da 4 mL sono farmaci di classe A e sono rimborsabili dal Servizio Sanitario Nazionale. Il prezzo per acquistare Cefamezin® è di:

  • Cefamezin® 250 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare flacone da 2 mL: 1,55 euro;
  • Cefamezin® 500 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare in flacone da 2 mL: prezzo 5,30 euro;
  • Cefamezin® 1000 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare in flacone da 4 mL: prezzo 3,88 euro;
  • Cefamezin® 1000 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso endovenoso in flacone da 10 mL: prezzo 9,10 euro.

Il farmaco si acquista in qualsiasi farmacia con ricetta medica ripetibile.

Leggi Anche:

LASCIA UN COMMENTO