Levopraid® (Levosulpride) Gocce e Compresse: A cosa Serve? Prezzo, Effetti collaterali e Indicazioni

Principio attivo: Levosulpride Levosulpride
Apparato: Nervoso Nervoso
Classe Terapeutica: Antipsicotici benzamidici Antipsicotici benzamidici
Ricetta: Ripetibile Ripetibile

Levopraid® è un farmaco commercializzato nel nostro paese dalla casa farmaceutica Teofarma Srl. Svolge la sua azione grazie al suo principio attivo levosulpiride che viene tipicamente utilizzato per il trattamento della Sindrome Dispeptica e della Cefalea Essenziale.

Forme farmaceutiche e dosaggio

Sono attualmente disponibili in commercio diverse forme farmaceutiche autorizzate di Levopraid® dall’Agenzia Italiana del Farmaco:

  • Levopraid® 25 mg compresse in confezione da 20 compresse;
  • Levopraid® 25 mg gocce orali in confezione da 20 mL;
  • Levopraid® 25 mg/2 mL soluzione iniettabile in confezione da 6 fiale;
  • Levopraid® 50 mg compresse confezione da 20 compresse;
  • Levopraid® 50 mg/2 mL soluzione iniettabile in confezione da 6 fiale;
  • Levopraid® 100 mg compresse in confezione da 20 compresse.

Non ci sono altre forme farmaceutiche disponibili e autorizzate per il commercio nel nostro Paese.

Indicazioni Terapeutiche

Levopraid® è utilizzato per la cura della Sindrome Dispeptica che causa meteorismo, tensione epigastrica, anoressia, cefalea (che compare dopo i pasti), bruciore di stomaco, eruttazioni, stipsi e diarrea. I sintomi sono causati da un ritardato svuotamento dello stomaco causato da fattori organici, come ad esempio gastroparesi diabetica e neoplasie, o da fattori funzionali, come ad esempio somatizzazioni a carico del sistema digerente nei soggetti ansioso-depressivi.

Il farmaco si utilizza anche nella cura della Cefalea Essenziale causata da forme vasomotorie (come l’emicrania comune, emiplegica, oftalmica, classica e a grappolo) o da forme muscolo tensive. Il farmaco può essere utilizzato anche per la cura di vomito e nausea post-operatorie o indotte da farmaci e per la cura di vertigini, che siano esse di origine centrale o periferica. Più semplicemente il farmaco agisce contro i sintomi a carico dello stomaco causati dalla Sindrome Dispeptica e contro il mal di testa causato dalla Cefalea Essenziale.

Posologia e modalità di impiego

Il medicinale deve essere utilizzato seguendo le indicazioni del medico o del farmacista.

  • Per le compresse: 1 compressa da assumere 3 volte al giorno prima dei pasti.
  • Per le gocce orali: 15 gocce per 3 volte al giorno sempre prima dei pasti.

Per la soluzione iniettabile: 1 fiala da 25 mg per 2 o 3 volte al giorno. Per il trattamento di pazienti anziani la posologia deve essere necessariamente stabilita dal medico.

Nei pazienti adulti e nelle forme acute psichiche la posologia va da mezza a 1 fiala iniettabile da 50 mg 1 o 2 volte al giorno oppure 2 o 3 compresse da 100 mg ogni giorno. Per la terapia di mantenimento 3 compresse da 50 mg ogni giorno. La dose può essere ridotta nel tempo a seconda della risposta del paziente alla terapia.

Nel trattamento dei pazienti anziani la posologia deve essere controllata e stabilita dal medico che dovrà valutare di persona la possibile riduzione dei dosaggi. Non assuma il farmaco senza prima aver chiesto il parere del medico. Non interrompa né modifichi la terapia senza prima essersi rivolto al suo medico curante. Per qualsiasi dubbio riguardo l’utilizzo del farmaco si consiglia di chiedere il parere del medico.

Sovradosaggio

Non sono ancora stati osservati effetti collaterali gravi causati dal sovradosaggio. Un sovradosaggio elevato potrebbe causare insonnia o turbe del sonno. È sufficiente interrompere la terapia o diminuire il dosaggio, sempre seguendo il parere del medico. Se dimentica di assumere il farmaco consulti il medico e non assuma una dose doppia. Per qualsiasi dubbio riguardo l’utilizzo del farmaco e un eventuale sovradosaggio si consiglia di chiedere il parere del proprio medico.

Controindicazioni

Sono diversi i casi in cui è controindicata la somministrazione del farmaco Levopraid® al paziente. In primis va considerato il caso di ipersensibilità verso il principio attivo Levosulpiride o verso gli eccipienti contenuti nella formulazione.

Levopraid® è controindicato nei pazienti con feocromocitoma perché potrebbe causare crisi ipertensive. Il farmaco è controindicato nei pazienti con ipersensibilità o intolleranza al farmaco a ad uno degli eccipienti.

Gli eccipienti delle compresse da 25 e 50 mg sono: carbossimetilamido, magnesio stearato e cellulosa microgranulare.

Gli eccipienti delle compresse da 100 mg sono carbossimetilamido, cellulosa microgranulare, magnesio stearato e lattosio. I pazienti intolleranti al lattosio devono chiedere il parere del medico prima di assumere il farmaco.

Gli eccipienti della soluzione iniettabile sono acido solforico 2N, sodio cloruro e acqua per le preparazioni iniettabili. Il farmaco non deve essere usato nei pazienti con epilessia, negli stati e nelle fasi maniacali delle varie psicosi maniaco-depressive. È sconsigliabile utilizzare Levopraid® nei soggetti portatori di mastopatie maligne.

Per qualsiasi dubbio è necessario richiedere il parere di un medico. Non assuma il farmaco senza prima aver chiesto il parere del medico. Se deve assumere altri medicinali di qualsiasi tipo durante la terapia a base di Levopraid® (compresi i normali farmaci da banco senza prescrizione medica) consulti il suo medico.

Precauzioni per l’uso

Il farmaco non deve essere utilizzato se la stimolazione della motilità gastrointestinale può causare danni al paziente, ovvero se il paziente presenta emorragie gastrointestinali, perforazioni e/o ostruzioni meccaniche. Bisogna evitare l’assunzione di alcool durante la terapia con Levopraid®.

Il farmaco deve essere tenuto lontano dalla portata dei bambini e deve essere conservato correttamente in un luogo fresco e asciutto. Non assuma il farmaco dopo la data di scadenza riportata sulla confezione. Si consiglia di leggere attentamente il foglietto illustrativo prima di iniziare la terapia a base di Levopraid®.

Gravidanza e allattamento

Il farmaco non deve essere utilizzato in gravidanza, che sia essa certa o presunta, né durante il periodo dell’allattamento. Il farmaco passa attraverso il latte e la placenta e potrebbe causare danni al feto o al lattante.

I neonati che sono stati esposti agli antipsicotici durante il terzo trimestre rischiano di presentare sintomi di astinenza da farmaco o sintomi extrapiramidali (disturbi motori). Se il bambino è stato esposto al farmaco durante la gravidanza o l’allattamento può presentare:

  • ipotonia;
  • agitazione;
  • disturbi dell’assunzione di cibo;
  • sonnolenza;
  • ipertonia;
  • tremori;
  • stress respiratorio.

Per qualsiasi dubbio è necessario richiedere il consiglio di un medico.

Interazioni con altri farmaci

Sono presenti importanti interazioni tra Levosulpiride ed altri principi attivi presenti in altri farmaci. È consigliato tenere conto delle potenziali interazioni prima della somministrazione di Levopraid®.

Se il paziente assume altri psicofarmaci bisogna che assuma Levopraid® con cautela e sotto controllo medico. Se Levopraid® viene assunto con farmaci che prolungano il QT può aumentare il rischio di aritmie cardiache. Il farmaco non deve essere somministrato assieme a medicinali che causano variazioni degli elettroliti. Per qualsiasi dubbio si consiglia di chiedere il parere di un medico.

Effetti collaterali

All’utilizzo di Levopraid® sono collegati alcuni effetti indesiderati per il paziente che nel caso in cui si presentino devono essere necessariamente sottoposti all’attenzione del medico curante.

In caso di somministrazioni prolungate sono comuni alcuni effetti collaterali come:

  • amenorrea;
  • galattorrea;
  • iperprolattinemia;
  • ginecomastia;
  • abbassamento della libido.

Alcuni effetti collaterali rari sono:

  • eccitazione psicomotoria;
  • manifestazioni allergiche;
  • tremori;
  • disturbi neurovegetativi;
  • distonie;
  • aumento di peso.

Gli effetti collaterali sono in genere reversibili e cessano con l’interruzione della terapia (è sempre necessario il parere medico). È necessario comunicare al medico o al farmacista qualsiasi effetto indesiderato notato, anche se non descritto dal foglietto illustrativo.

Non interrompa né modifichi la terapia senza prima essersi rivolto al suo medico. Per qualsiasi dubbio riguardo l’utilizzo del farmaco e gli eventuali effetti collaterali si consiglia di chiedere il parere del medico.

Ricetta, Regime di Dispensazione e Prezzo

La classe di catalogazione di Levopraid® varia a seconda del tipo di farmaco. Le formule in gocce e compresse sono classificate di Classe C e sono a totale carico del cittadino, mentre le formule iniettabili sono di Classe A quindi rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale. Il farmaco si acquista solo a seguito della presentazione di regolare ricetta medica. La ricetta è ripetibile.

La spesa richiesta per acquistare Levopraid® è:

  • Levopraid® 25 mg compresse in confezione da 20 compresse prezzo: 7,27 euro;
  • Levopraid® 25 mg gocce orali in confezione da 20 mL al prezzo di 7,08 euro;
  • Levopraid® 25 mg/2 mL soluzione iniettabile in confezione da 6 fiale prezzo: 3,56 euro;
  • Levopraid® 50 mg compresse in confezione da 20 compresse prezzo: 10,69 euro;
  • Levopraid® 50 mg/2 mL soluzione iniettabile in confezione da 6 fiale prezzo: 4,39 euro;
  • Levopraid® 100 mg compresse confezione da 20 compresse prezzo: 19,12 euro.

Leggi Anche:

LASCIA UN COMMENTO