Filler Rughe: Opinioni e Controindicazioni

La presenza delle rughe sul viso è un problema che, purtroppo, affligge molte persone e quando questi odiosi segni dell’invecchiamento diventano più evidenti, potrebbero causare anche disagio e vergogna. Per questo motivo molti di noi sono alla continua ricerca del prodotto perfetto per eliminare, o comunque alleviare, le rughe.

Che cosa sono i filler rughe? Come funzionano questi prodotti? Sono davvero efficaci per la cura delle rughe? Ci sono dei rischi oppure no? Ma soprattutto ci sono particolari controindicazioni per il loro utilizzo?

Oggi risponderemo insieme a tutte queste domande in modo tale da aiutarti a capire se un trattamento del genere fa al caso tuo o meno.

Che cosa sono i filler per le rughe?

Come abbiamo già accennato nella breve introduzione del nostro articolo, nel settore cosmetico, quando si parla di filler per le rughe ci si riferisce a dei trattamenti specifici per distendere le rughe ed agire in profondità nei tessuti.

Nello specifico si tratta di sostanze che vengono iniettate direttamente nel derma per migliorare non solo le rughe, ma anche altri segni tipici dell’invecchiamento, e talvolta sono utili anche per trattare i segni lasciati dalle cicatrici dell’acne.

Con l’utilizzo dei filler si può anche migliorare l’aspetto degli zigomi, oppure delle labbra, ad esempio se desideriamo delle labbra più carnose o degli zigomi più evidenti oppure se si vuole agire sulle rughe naso labiali.

In pratica, i filler ci aiutano a migliorare il nostro aspetto, rendendoci visibilmente più giovani senza la necessità di dover ricorrere al bisturi del chirurgo plastico. Vediamo quindi nel corso del nostro articolo come funzionano questi prodotti e quali sono i prezzi dei trattamenti.

Quali sono i tipi di filler per le rughe più utilizzati?

Nel momento in cui hai deciso di sottoporti ad un trattamento per alleviare i segni dell’invecchiamento, come le rughe, dovrai rivolgerti ad un esperto del settore, più precisamente ad un esperto di filler per le rughe.

Questa figura professionale che sicuramente avrà conseguito una specializzazione in chirurgia estetica, ti proporrà diverse alternative in base ai risultati che desideri ottenere con questo trattamento.

Tra le tipologie di filler per le rughe più utilizzate ricordiamo prima di tutto il collagene, una sostanza che si trova già nel nostro tessuto cutaneo ma che, con il passare del tempo, tende fisiologicamente a diminuire ed a diventare meno elastico.

Il collagene si distingue in due grandi tipologie, soprattutto in base alla sua origine, ossia:

  • Il collagene di origine umana: viene realizzato in sede di laboratorio, a partire dalle colture di fibroblasti umani che andranno poi a svolgere le stesse funzioni del collagene che si trova nell’organismo. In commercio si possono trovare due prodotti a base di collagene di origine umana, uno è stato realizzato per le rughe meno accentuate e un altro per i segni più evidenti dell’invecchiamento. La durata del trattamento con questo tipo di collagene ha una durata che può arrivare fino ai 6 mesi;
  • Il collagene di origine bovina: viene estratto dal tegumento di bovini che vengono selezionati con cura. Come il precedente, anche in questo caso se ne trovano due tipologie in commercio, una per le rughe più sottili e una per le rughe più profonde ed evidenti. A questo genere di collagene viene poi aggiunta una sostanza che ci permette di ottenere risultati più duraturi, anche fino ad un anno.

Tuttavia, se desideri ottenere dei risultati ancora più duraturi ti consigliamo di valutare la possibilità di sottoporti a dei trattamenti a base di Acido Poli-L-Lattico, o PLLA.

Si tratta di un acido che viene sintetizzato in laboratorio che, una volta iniettato nella parte più profonda del derma, è in grado di stimolare la produzione di nuovo collagene da parte dei fibroblasti. Motivo per cui i primi risultati si noteranno solo dopo qualche settimana dal trattamento.

Le sedute a base di PLLA di solito devono essere distanziate tra loro da un periodo di un mese circa e, una volta terminato il trattamento, ti garantisce dei risultati che possono durare anche più di due anni!

Se, invece, desideri avere una pelle maggiormente idratata, puoi considerare la possibilità di sottoporti a dei trattamenti di filler all’acido ialuronico, un’altra sostanza che, come il collagene, si trova già nel nostro organismo ma che, con il tempo, inizia a scarseggiare.

Quali sono i principali vantaggi dei filler per le rughe?

Come accade per la maggior parte dei trattamenti per migliorare il nostro aspetto, anche nel caso dei filler per le rughe ci sono dei vantaggi e degli svantaggi ben precisi.

Partiamo dai primi. Tra i vantaggi più importanti dei filler per le rughe ricordiamo soprattutto i seguenti:

  • L’anestesia non è obbligatoria, puoi infatti decidere se sopportare il pizzicore dell’iniezione oppure no;
  • Se non ti piacciono i risultati ottenuti con i trattamenti a base di acido ialuronico sappi che si tratta di un trattamento reversibile;
  • Sono delle procedure veloci che vengono fatte in sede di ambulatorio;
  • Il risultato che si vuole ottenere con questi trattamenti è poco artificiale, non andrà quindi a stravolgere il tuo aspetto;
  • Prima di ricominciare con le normali attività quotidiane il tempo di attesa è minimo;
  • Sono dei trattamenti piuttosto economici.

Quali sono, invece, gli svantaggi?

Per quanto riguarda invece i possibili svantaggi dei filler per le rughe diamo un’occhiata ai seguenti punti:

  • Nel caso in cui hai deciso di farti iniettare delle microsfere e queste ti danno dei problemi, la rimozione delle stesse avverrà tramite un intervento chirurgico più invasivo dello stesso trattamento;
  • Le sedute vanno ripetute ad intervalli regolari per permetterti di mantenere l’effetto;
  • Prima di fare delle iniezioni a base di collagene di origine bovina, devi sottoporti a degli esami allergici.

Quali sono i prezzi di questi trattamenti?

Anche se i filler per le rughe hanno generalmente un costo più contenuto rispetto a quello previsto per un intervento di chirurgia estetica vero e proprio, ciò non significa che si tratta di trattamenti economici.

Il costo finale di queste procedure dipende non solo dal tipo di prodotto che ci faremo iniettare, ma anche dalla quantità che verrà utilizzata dallo specialista per ogni seduta.

A prescindere da questi fattori che andranno ad influenzare il costo del nostro filler per le rughe, possiamo dire che, generalmente, i prezzi sono quelli citati in seguito:

  • I trattamenti riempitivi a base di acido ialuronico e collagene hanno un costo che oscilla tra i 200 euro e i 500 euro;
  • I trattamenti riempitivi a base di acido poli-l-lattico, hanno un costo che va dai 350 euro circa ai 700 euro. 

Ovviamente questi prezzi variano anche in base allo specialista a cui ti affidi, per questo ti consigliamo di farti fare sempre un preventivo per avere un’idea più chiara e precisa a riguardo.

Ci sono delle controindicazioni per i filler per le rughe?

Prima di sottoporti a dei trattamenti di filler per le rughe, il chirurgo plastico dovrà assicurarsi che il tuo organismo sia adatto alle iniezioni che dovrai sostenere.

Si tratta, infatti, dell’iniezione di sostanze che possono avere delle controindicazioni ben precise e tra queste ricordiamo soprattutto le seguenti:

  • Se sei allergico alla lidocaina, ossia l’anestetico locale più utilizzato per questi trattamenti, quasi sicuramente non potrai sottoporti a trattamenti di questo tipo;
  • Non si possono fare questi trattamenti durante il periodo della gestazione;
  • Non si possono fare questi trattamenti durante il periodo dell’allattamento;
  • Non puoi sottoporti al filler per le rughe se sei allergico ad uno dei principi attivi che vengono usati per questi trattamenti;
  • Se stai seguendo una terapia a base di FANS o a base di anticoagulanti, non puoi fare il filler per le rughe;
  • Le iniezioni possono aggravare situazioni come l’acne, la presenza di eruzioni cutanee o dell’herpes;
  • Non si possono fare questi trattamenti nel caso di pazienti affetti da patologie autoimmuni e del tessuto connettivo;
  • Non si possono fare questi trattamenti nel caso di persone che tendono a sviluppare delle cicatrici ipertrofiche;
  • Se stai seguendo una terapia immunosoppressiva è sconsigliato il filler per le rughe.

Infine, sempre in base alla sostanza che si andrà ad utilizzare per il filler, possono esserci dei limiti di età. Per tutta questa serie di motivi, prima di sottoporsi ad un trattamento del genere, lo specialista dovrà analizzare la tua situazione e assicurarsi che non rientri in categorie di persone incompatibili a questo trattamento.

Possono manifestarsi degli effetti collaterali? Ci sono dei rischi?

L’ultimo argomento di cui parleremo oggi riguarda invece la possibilità di andare incontro a degli effetti collaterali o a dei rischi specifici dopo aver fatto il filler per le rughe.

Prima di tutto bisogna tenere a mente che, comunque, la tua pelle sarà sottoposta a delle iniezioni, alle quali reagirà nei seguenti modi:

  • una sensazione di indolenzimento;
  • un rossore in corrispondenza del punto in cui è stata fatta l’iniezione;
  • il dolore;
  • un certo gonfiore;
  • la formazione di piccoli lividi;
  • il bruciore.

Si tratta comunque di sintomi passeggeri che in genere si possono alleviare con l’aiuto di impacchi freddi, evitando di toccare le zone della pelle in cui sono state fatte queste iniezioni.

Inoltre, ricorda che, nelle prime 24 ore successive al trattamento, dovrai evitare di assumere bevande alcoliche e di esporti in modo eccessivo a qualunque tipo di radiazioni siano esse solari oppure no.

Infine, se noti la comparsa di alcuni effetti collaterali, come il sanguinamento, o la comparsa di granulomi, o di un processo infettivo, è opportuno contattare immediatamente lo specialista per porre rimedio alla situazione.

Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice di Salutarmente.it. Laureata con lode in Farmacia ed esperta di salute, alimentazione e benessere.

LASCIA UN COMMENTO