Nuoto master in vasca: di cosa si tratta?

    L’attività fisica è una componente importante della vita quotidiana di tutti che, associata ad una sana alimentazione, aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo, il colesterolo, la glicemia e anche lo stress.

    Certo scegliere l’attività più adatta a noi non è semplice, vista la grande varietà dell’offerta e delle esigenze personali di chi si cimenta nella pratica sportiva. Oggi vi parleremo del nuoto master in vasca, una disciplina sportiva molto interessante nata per promuovere l’amicizia, il benessere, la comprensione tra aspiranti atleti di età inferiore ai 25 anni.

    Il nuoto master è una disciplina che vede ex agonisti e non indossare di nuovo il costume ed affrontare gare in piscina. Dunque, oltre a corsa, alla camminata veloce e alla bicicletta il nuoto master rappresenta una valida alternativa molto efficace per allenarsi e nello stesso tempo tenere sotto controllo lo stress.

    Tuttavia questa attività non è adatta a tutti ed è bene conoscere quelli che sono i possibili rischi nel praticarla. Di che cosa si tratta? Quali sono i suoi benefici? A chi è sconsigliato? Scopriamolo nei paragrafi che seguono.

    Nuoto master in vasca: pro e contro

    Nuotare presenta numerosi vantaggi, a partire dalla gravità decisamente ridotta grazie al sostegno dell’acqua e dalla rarità degli infortuni che si possono verificare quando si è in acqua. Per questi motivi è consigliato a chi soffre di problemi alla schiena, alle articolazioni ed è indicato anche per le donne in dolce attesa. La pratica del nuoto master va bene un po’ per tutti e sono pochi i casi in cui è severamente sconsigliato praticarla. Affidarsi alle mani esperte di un professionista riduce senz’altro il rischio di effettuare movimenti errati che possono provocare contratture e sforzi inutili. L’unica controindicazione riguarda coloro che soffrono di problemi respiratori o di particolari forme allergiche cutanee (dermatiti ricorrenti che richiedono l’utilizzo di farmaci per la loro cura). Uno dei maggiori “svantaggi” che può presentarsi quando si pratica un qualsiasi tipo di nuoto legato al sotto-allenamento, ossia alla difficoltà di raggiungere un livello di impegno elevato, senza il timore di annoiarsi a causa della ripetitività dell’allenamento stesso. Per questo motivo sono sempre di più le persone che rivolgono la propria attenzione ad una variante quasi agonistica di nuoto, il nuoto master.

    Allenarsi in una squadra master

    Cos’è una squadra master? Questo tipo di attività costituisce un passaggio accessibile a chi ha raggiunto un livello di nuoto avanzato e che per questo ha già un’ottima tecnica natatoria. Infatti, prima di iscriversi ad una squadra master, è necessario aver raggiunto un livello tecnico adeguato per evitare infortuni. Per iscriversi al nuoto master è dunque possibile mettersi alla prova sottoponendosi ad un piccolo test fisico che ne attesti l’idoneità. Nuoto master in vasca

    In realtà non è necessario superare il fit test per partecipare agli allenamenti, ma è importante avere la consapevolezza di essere in possesso di una buona tecnica. Per ogni tipo di chiarimento è bene chiedere sempre consiglio al vostro istruttore di nuoto. Infatti, l’obiettivo di questo sport non è tanto migliorare le prestazioni da un punto di vista di movimento e coordinazione ma con il nuoto master ci si pone l’obiettivo di massimizzare la prestazione atletica. Si tratta di un’attività molto intensa e ben strutturata, che comprende tutte le fasi di un allenamento completo. Frequentare questi corsi comporta il desiderio di contrastare uno dei limiti elencati in apertura, ossia il sottoallenamento.

    Sessioni di nuoto master

    Gli allenamenti classici prevedono la percorrenza di circa 2,5 km (ossia 100 vasche da 25 m), fino ad arrivare a 4 km (160 vasche). La peculiarità di questo tipo di sport è la motivazione che ci si dà in squadra che è una prerogativa del nuoto master che fa davvero la differenza rispetto al nuoto singolo. Infatti, da soli è sempre più difficile raggiungere gli obiettivi che ci si è imposti, anche a causa della monotonia degli allenamenti. Inoltre, lavorare a contatto con altri atleti stimola la competizione e dunque spinge il nuotatore a superare i propri limiti. Trattandosi di un’attività a squadre, naturalmente prevede anche della gare, a cui non è obbligatorio partecipare, se non ci si sente all’altezza. Esistono delle sovvenzioni statali che vengono elargite qualora la squadra partecipi ad almeno tre gare, tuttavia rimane un’opzione facoltativa. Le squadre possono essere miste e uomini a donne possono gareggiare insieme nella stessa competizione.

    Gare di master nuoto in vasca

    Come sono strutturate queste gare? A differenza di molti altri sport a squadre, il nuoto master è davvero sportivo, nel senso che la competizione va vissuta con se stessi, anziché con gli altri atleti. Spesso vi possono partecipare anche persone di età avanzata o portatori di handicap. Dunque queste gare non vanno viste come test agonistici: spesso costituiscono un modo per mettersi alla prova e rendere più stimolante uno sport vissuto come “monotono” da molti.

    Dove iscriversi ad una squadra master?

    Le squadre master di nuoto si possono trovare in tutte le città: per avere conferma ci si può rivolgere alla piscina della zona per avere informazioni più dettagliate. Se possibile informatevi in più piscine, così da trovare la squadra che meglio risponde alle vostre esigenze. Esistono più opzioni e possibilità di livello. Ad esempio, si possono trovare alternative miste per orari e frequenza, così da facilitare chi lavora su turni, chi ha famiglia o chi semplicemente vuole alternare con allentamenti in solitaria. Per quanto riguarda il costo, questo varia tra i 200 e i 300 euro annui in media.

    Requisiti per il nuoto master in vasca

    Non esistono particolari requisiti da possedere nel caso stiate pensando di iscrivervi ad un corso di nuoto master in vasca oltre al superamento della visita medica agonistica che costa intorno ai 60 euro e va effettuata presso l’Asl di competenza.

    Leggi Anche: