Urine Torbide: ecco le possibili cause!

Quando parliamo di urine torbide ci riferiamo ad urine che non sono trasparenti e la limpide come dovrebbero essere quando siamo in un buono stato di salute. Si tratta di qualcosa che in molti casi può avvenire a causa di una leggera disidratazione e presentarsi in modo saltuario.

In altri casi però l’urina torbida potrebbe essere un fenomeno che si protrae per lunghi periodi di tempo, cosa che dovrebbe destare immediatamente la nostra preoccupazione e richiedere l’attenzione del medico.

Dietro questa manifestazione non si nascondono quasi mai problemi estremamente gravi, ma comunque siamo di fronte a condizioni mediche che necessitano di cure immediate per evitare esiti incontrovertibili.

L’aspetto delle urine è un dato assai importante che tiene conto del colore delle urine, di come si presentano (limpide, torbide, opalescenti) e se sono presenti sedimenti al suo interno. Questi parametri rientrano in un più completo esame fisico delle urine e rappresenta l’analisi preliminare obbligatoria prima di procedere con l’analisi delle caratteristiche chimiche e biologiche.

Quali sono le cause dell’urina torbida?

Questo disturbo, per quanto frequente sia, raramente deve essere fonte di preoccupazione in quanto come vedremo di seguito quasi tutte le cause che l’hanno provocato sono risolvibili con terapie specifiche e non invasive.

Il caso della disidratazione

Talvolta le concentrazioni di urobilina, la sostanza che conferisce il colore tipicamente giallo alle urine, si fanno troppo alte, in seguito ad un assunzione insufficiente di liquidi. Infatti, questa condizione si può manifestare sopratutto al mattino quando l’organismo è rimasto a digiuno per almeno 8 ore (quelle della notte) senza assumere liquidi.

Si tratta dunque di una disidratazione leggera, che può essere facilmente risolta semplicemente bevendo più acqua durante la giornata. A patto che non si facciano attività sportive particolarmente intense, non si dovrebbero avere problemi di questo tipo una volta che si saranno bevuti almeno 2 litri circa di acqua al giorno.

Nel caso in cui stessimo bevendo acqua a sufficienza e l’urina dovesse continuare a presentarsi torbida, sarà sicuramente il caso di continuare a leggere perché il problema dell’urina torbida potrebbe essere causato da altri tipi di problemi.

Le infezioni del tratto urinario

In alcuni casi l’urina torbida può essere ritenuta un problema collegato con alcune infezioni del tratto urinario. In questo caso alle urine torbide si associano altri tipi di sintomi, su tutti ad esempio il bruciore durante la minzione e anche talvolta quando stiamo provando a trattenerla, dolore al basso ventre, alterazione di parametri chimici urinari come: nitriti nelle urine, esterasi leucocitaria positiva, leucociti nelle urine. Tutte alterazioni che sono da mettere in stretta relazione con una contaminazione batterica che può causare un cambiamento macroscopico nell’aspetto delle urine.

Si tratta di una delle cause più comuni che possono portare ad avere urine non particolarmente limpide. Inoltre, anche l’aspetto olfattivo può cambiare ed in casi di infezioni le urine torbide saranno anche maleodoranti.

Urina torbida Fonte foto: healthgrades.com

La possibilità dei problemi ai reni: i calcoli

I calcoli renali sono un’altra delle cause tipiche che possono portare alla presenza di urine torbide. I calcoli sono delle cristallizzazioni che si formano a partire da materiali minerali nei reni e che in genere, senza il necessario intervento medico, dovrebbero essere espulsi normalmente tramite le urine.

Il corpo, che nel frattempo si occupa o meglio cerca di occuparsi di riparare i danni causati da queste formazioni, può cominciare a produrre diversi tipi di sostanze, che una volta che vengono espulse tramite le urine, contribuiscono a dargli il colorito torbido che ci ha fatto preoccupare.

Tendenzialmente, nel caso in cui fossero presenti calcoli renali, talvolta l’organismo può produrre urine scure, rosa o rosse. In aggiunta, si può avvertire anche un dolore particolarmente acuto, che dovrebbe essere considerato come ulteriore sintomo della presenza dei suddetti calcoli.

Attenzione alle malattie sessualmente trasmissibili

Come sapranno già bene i nostri lettori, spesso i problemi relativi alla colorazione dell’urina sono segnale di qualcosa che non va tra reni e organi genitali. Talvolta l’urina torbida può essere imputata alla presenza di talune malattie sessualmente trasmissibili, tanto nell’uomo quanto nella donna.

Il caso più tipico è ad esempio quello della gonorrea: si tratta di una patologia a trasmissione sessuale che nella donna causa anche altri tipi di sintomi, come bruciore vaginale, perdite gialle, necessità di urinare di frequente e gonfiore di tutta l’area genitale.
Per quanto riguarda invece gli uomini, si avverte una certa difficoltà a urinare e dolore durante la minzione. Si tratta di una patologia che in entrambi i casi si può curare facilmente ricorrendo alla giusta terapia a base di antibiotici, che deve però essere valutata necessariamente dal medico, data la tipologia dell’infezione e soprattutto dati i farmaci che dovranno essere coinvolti nella cura.

Un’altra infezione tipica è quella da tricomoniasi. Si tratta dell’infezione più comune al mondo e che può aggredire canale vaginale, uretra e negli uomini la prostata. Causa un aumento del pH vaginale, rendendo possibile per moltissimi parassiti proliferare a dismisura quando in condizioni normali vivono in genere in quantità e forma controllate.

Anche in questo caso si tratta di una patologia che può essere facilmente curata ricorrendo a farmaci specifici, ancora una volta somministrati però rigorosamente dal medico.

C’è da preoccuparsi nel caso di urina torbida?

Non sempre e in genere in casi più gravi tra quelli che abbiamo elencato sopra vi è la compresenza di altri tipi di sintomi, motivo per il quale la sola urina torbida non dovrebbe costituire, se da sola, motivo di eccessiva preoccupazione.

Ad ogni modo però nel caso in cui dovesse presentarsi con una certa continuità, sarà sicuramente il caso di parlarne con il proprio medico curante, che una volta svolti quelli che sono gli altri tipi di sintomi e, ove necessario, dopo le analisi, sarà in grado di offrirci un quadro completo del nostro stato di salute.

Possono esserci conseguenze gravi?

Le patologie che sono in genere associate alla presenza di urine torbide non sono mai o quasi mai patologie dagli esiti particolarmente gravi. Devono però essere necessariamente curate non appena verranno diagnosticate, perché soprattutto nel caso di quelle sessualmente trasmissibili non solo metteremmo a repentaglio la salute del nostro partner, ma rischieremmo di trasformare una banale infezione in qualcosa di molto più difficile da curare e che potrebbe anche risalire il canale vaginale e creare infezioni molto più gravi.

Sangue e altri colori: imparare ad analizzare l’urina

Quando le urine sono torbide e hanno anche cambiato colore, quanto abbiamo scritto poco sopra non deve essere in alcun modo considerato come valido: si tratta in quei casi infatti di patologie diverse, di sintomi diversi e soprattutto di situazioni che richiedono diagnosi separate da quelle delle urine torbide.

L’urina può definirsi torbida infatti soltanto quando non sia trasparente, mentre il fattore “colore” dovrebbe essere trattato sicuramente in modo separato.

Nel caso in cui le nostre urine fossero torbide, può essere inoltre una buona idea raccoglierle in una provetta, anche allo scopo di mostrarle al nostro dottore. Spesso infatti quello che potremmo considerare un aspetto torbido, altro non è che un colore scuro che magari dipende da problemi banali come una momentanea disidratazione.

Leggi Anche:

LASCIA UN COMMENTO