Aceto di Mele per Capelli: Virtù e Benefici

Le virtù dell’aceto di mele per quanto riguarda la nostra salute e il nostro benessere sono note da tempo, ma non tutti sanno che l’aceto di mele, un prodotto del tutto naturale, facile da reperire e con un costo accessibile a chiunque, è anche un prezioso alleato della bellezza, in particolare per quella dei capelli.
Aceto di mele per i capelliDi sicuro i prodotti per la cura dei capelli attualmente disponibili sul mercato sono efficaci e, almeno in gran parte, sicuri, ma è pur vero che si tratta sempre di preparati ad alto contenuto di preparati chimici, che, alla lunga, possono rivelarsi aggressivi per la cute e per i capelli.

Le reazioni infiammatorie e allergiche sono sempre dietro l’angolo, e per questo i rimedi naturali, come quello che vi presentiamo oggi, sono sempre più che benvenuti.

L’aceto di mele tratta i capelli con delicatezza e rispetto, proteggendoli da eventuali danni sia sul breve che sul lungo periodo.

Azione protettiva

I nostri capelli sono avvolti da una cuticola la cui integrità permette di conservarli sani, morbidi e lucenti. La salute della stessa cuticola è di fondamentale importanza per l’aspetto e il benessere del capello, e il nostro aceto di mele può avere effetti positivi già a partire da questa parte fondamentale della struttura del capello.

L’aceto di mele aiuta non solo a proteggere ma addirittura a sigillare la suddetta cuticola, contribuendo in tal modo anche a mantenere a livelli ottimali il grado di umidità fisiologico dei capelli, tenendo lontano così anche il fastidioso problema delle doppie punte, lo stesso che spesso, seppur ne faremmo volentieri a meno, ci costringe a dover spuntare la chioma, specialmente se lunga.

Le proprietà contro i batteri, i funghi e le infezioni

Le intrinseche proprietà antibatteriche ed antimicotiche dell’aceto di mele inoltre, aiutano a combattere quei batteri e quei funghi che di solito sono alla base della forfora, un disagio tanto comune quanto fastidioso, dovuto spesso dovuto alla presenza sul cuoio capelluto del fungo Malassezia (altrimenti detto Pityrosporum ovale), il quale degrada la pelle causando i problemi di cui tutti siamo a conoscenza.

In altri casi invece si può trattare di infezioni di carattere batterico, che hanno comunque come risultato l’infiammazione del cuoio capelluto, che altera la produzione di sebo e può portare appunto alla comparsa del fenomeno della forfora.

L’aceto di mele con la sua azione antisettica e antifungina può essere dunque in entrambi i casi ritenuto un buon alleato di chi soffre di questo tipo di problemi.

Stimola la rigenerazione sana e naturale del capello

Una chioma più folta, lunga, morbida e capelli da sogno? L’uso costante dell’aceto di mele può aiutare in modo significativo a raggiungere questo risultato.

I balsami che si trovano in commercio, anche se nella stragrande maggioranza dei casi di buona qualità, ricorrono sempre più spesso a prodotti di sintesi chimica anche aggressivi, che potrebbero, soprattutto se non risciacquati e quindi eliminati come si dovrebbe, ostruire i bulbi piliferi ed appesantire i capelli stessi.

Senza contare inoltre che il loro costo, soprattutto se riferito a prodotti di marca, è di sicuro più elevato di quello dell’aceto di mele (in vendita in ogni supermercato). L’aceto di mele può rivelarsi un perfetto sostituto del classico balsamo, in quanto aiuta a districare e a rendere i capelli più pettinabili, lasciandoli al contempo incredibilmente soffici e setosi.

Inoltre è in grado di ridonare ai capelli brillantezza sia dai primi risciacqui, cosa che può aiutare sensibilmente nel caso in cui i nostri problemi si presentino come secchi e opachi.

Quale aceto di mele scegliere per la nostra salute?

Non tutti gli aceti di mele sono però uguali. In commercio se ne trovano di vari tipi e marche, ma spesso non sono prodotti puri al 100% e vengono mischiati con altri tipi di sostanze anche allo scopo di correggerne il sapore.

Per andare sul sicuro possiamo acquistare un aceto di mele da agricoltura biologica,  il solo in grado di garantirci un prodotto privo completamente di pesticidi e altre sostanze tossiche, pur se tollerate a livello legislative.

L’aceto di mele organico, quindi puro e non alterato dalla presenza di additivi di alcun tipo, contiene enzimi, batteri, pectine e oligoelementi minerali che costituiscono un vero toccasana per la capigliatura (e per l’organismo in generale).

Come usare l’aceto di mele sui capelli?

Usare l’aceto di mele per il benessere dei capelli è molto facile: seguite il procedimento di seguito descritto e sarete sicuri di non sbagliare.

Procuratevi innanzitutto questi ingredienti:

  • 1 tazza di acqua (250 ml circa);
  • 2 cucchiai di aceto di mele organico (30 ml circa).

Agitate il composto ottenuto e mettetelo in un recipiente, di quelli ai quali possono essere applicati gli spray. Lavate i capelli come d’abitudine e spruzzate il liquido prima dell’ultimo risciacquo. Massaggiate i capelli ed il cuoio capelluto per far penetrare bene l’aceto di mele.
Lasciate in posa per almeno 2 minuti (ma anche di più se avete tempo) e sciacquate poi con abbondante acqua tiepida.

Dopo questo trattamento potete fare a meno del balsamo (per capelli particolarmente secchi, fragili e sciupati, potete metterne solo un po’ sulle punte e poi risciacquarlo).

Se i vostri capelli, al contrario, sono grassi, usate una maggiore quantità di aceto di mele, il quale contribuirà a renderli più puliti, freschi e setosi, con più volume e senza gli appiattimenti tipici del capello grasso.

Per risultati ottimali, concedetevi il suddetto trattamento un paio di volte a settimana.
Niente timore per l’odore inizialmente forte e penetrante dell’aceto di mele: una volta che i capelli saranno stati lavati e asciugati, lascerà il posto ad un profumo gradevole e delicato.

Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice di Salutarmente.it. Laureata con lode in Farmacia ed esperta di salute, alimentazione e benessere.

LASCIA UN COMMENTO