Antrolin® (Nifedipina+Lidocaina): Foglio Illustrativo

Antrolin® è un farmaco prodotto e commercializzato dalla casa farmaceutica New Fa.dem S.r.l. Si tratta di un’associazione tra due principi attivi: nifedipina e lidocaina cloridrato.

Il principale impiego terapeutico di Antrolin® crema rettale è quello della cura della sintomatologia associata ad emorroidi e ragadi anali.

Le emorroidi sono delle particolari strutture vascolari che si localizzano nella porzione finale del retto. In condizioni normali, sono assolutamente asintomatiche ma in caso di esercizio fisico intenso, dieta povera di fibre ed acqua si infiammano e diventano dolenti.

Le ragadi, invece, sono delle vere e proprie ulcerazioni dell’ano in genere dovute a stitichezza o diarrea prolungate nel tempo.

Forme farmaceutiche

È attualmente disponibile in commercio una sola forma farmaceutica per Antrolin®:

  • Antrolin® crema rettale 0,3%+ 1,5% in tubo da 30 grammi.

Meccanismo d’azione

Antrolin® è un medicinale ad azione antiemorroidale per uso topico. Il suo meccanismo d’azione è sinergico ed è appunto ottenuto dall’azione di due principi attivi con due meccanismi d’azione differenti.

Fonte foto: www.newfadem.it Fonte foto: www.newfadem.it

La nifedipina, infatti, ha un’azione intensa di tipo rilassante sulla muscolatura liscia e va a ridurre dunque l’ipertono del muscolo dello sfintere anale interno.

La lidocaina, invece, agisce come anestetico locale donando un sollievo dal dolore per il paziente che appunto viene colpito da emorroidi e ragadi anali che si caratterizzano per prurito e bruciore anale anche intenso.

Passiamo ora ad illustrare la posologia e la modalità d’impiego del prodotto.

Posologia e Modalità d’impiego

La crema va applicata, tanto per i casi di ragadi anali, sia per i casi di proctalgie, due volte al giorno, per un periodo che deve estendersi almeno a tre settimane al fine di registrare dei miglioramenti concreti da ottenersi tramite la terapia in questione.

Per applicare correttamente Antrolin® crema rettale è necessario seguire una specifica procedura in modo tale da consentire al farmaco sia di agire correttamente sia favorire il suo assorbimento locale.

  1. Sdraiarsi su di un fianco: destro o sinistro a seconda della mano che si utilizza;
  2. Svitare il tappo del tubetto e applicare la cannula fornita all’interno della confezione;
  3. Far uscire una piccola quantità di prodotto in modo tale da lubrificare le pareti esterne della cannula;
  4. Inserire la cannula nell’ano;
  5. Premere il tubetto ed applicare circa un centimetro di crema che corrisponde a circa 2,5-3 g di prodotto.

Sovradosaggio

Non sono segnalati in letteratura medica e scientifica casi di tossicità estesa a livello sistemico per il sovradosaggio di Antrolin® crema rettale.

Nel caso di intossicazioni dopo l’applicazione a livello topico del prodotto gli effetti sistemici diventano analoghi a quelli che sono registrati in letteratura medica per la lidocaina e la nifedipina.

Nel caso di intossicazione grave da nifedipina, abbastanza rara per un prodotto ad applicazione topica, si possono manifestare disturbi della coscienza che nei casi più gravi possono anche portare al coma.

In caso di intossicazione sono comunque relativamente comuni sintomi quali:

  • alterazione del battito cardiaco;
  • calo della pressione arteriosa;
  • shock cardiogeno.

Per il trattamento nel caso di intossicazione si può intervenire con farmaci beta-simpaticomimetici, nel caso in cui il paziente faccia registrare un calo del ritmo cardiaco. Nel caso in cui invece il paziente dovesse far registrare ipotensione grave si potrà intervenire con calcio glutinato in soluzione al 10% da sommistrarsi per via endovenosa.

Alcune delle reazioni tossiche derivanti dal sovradosaggio di lidocaina possono inoltre interessare il sistema nervoso centrale: si può avvertire la tipica sensazione di testa leggera, possono presentarsi capogiri e nei casi di intossicazione più grave anche disturbi che riguardano la vista e l’udito.

In caso di intossicazione molto grave possono presentarsi anche convulsioni. In questo caso il trattamento deve essere atto al controllo di quelli che sono i sintomi causati dall’intossicazione.

Quali sono le indicazioni terapeutiche di Antrolin® crema rettale? Le controindicazioni? Gli effetti collaterali? Scopriamoli insieme.

Indicazioni Terapeutiche

Antrolin® è un farmaco per utilizzo topico, endorettale e perianale.

Viene utilizzato per il trattamento delle ragadi anali, nonché delle proctalgie che sono associate tipicamente all’ipertono dello sfintere.

Grazie alla presenza della nifedipina, si può infatti ottenere subito un abbassamento del tono muscolare per il muscolo rettale interno e dunque recuperare una buona condizione di salute, soprattutto nel caso di proctalgie.

La lidocaina è contenuta a scopo analgesico, agendo contro la sintomatologia tipica delle patologie sopra descritte.

Controindicazioni

Antrolin® è un farmaco sconsigliato in tutti quei casi in cui il paziente abbia fatto registrare, anche in passato, ipersensibilità verso la lidocaina e verso altri tipi di anestetici locali, soprattutto se ad analoga struttura chimica.

Il farmaco è inoltre sconsigliato per l’uso da parte di chi dovesse presentare allergie e ipersensibilità ad uno qualunque degli eccipienti contenuti nella crema.

Il farmaco non è indicato per chiunque soffra di stati ipotensivi gravi, oppure anche di insufficienza cardiovascolare.

Precauzioni per l’uso

Antrolin®, se utilizzato per periodi molto lunghi o in dosi eccessive può portare alla sensibilizzazione del paziente, nonché a reazioni di tipo locale di sanguinamento o di iperemia. Le problematiche sopra riportate sono in genere destinate a sparire nel caso di interruzione della terapia.

Non sono stati riportati, durante i test di laboratorio che hanno analizzato appunto l’utilizzo del farmaco, effetti di tipo sistemico.

Non sembrerebbe possibile l’assorbimento a livello sistemico del farmaco.

Il farmaco deve comunque essere somministrato con estrema cautela nei pazienti che hanno problemi di danneggiamenti alle mucose, nonché flogosi nella regione che va trattata.

In queste situazioni infatti è possibile un assorbimento eccessivo dei principi attivi contenuti in Antrolin® che possono raggiungere facilmente il circolo sanguigno.

Il trattamento a base di Antrolin® deve essere svolto sotto stretto controllo medico nel caso di pazienti anziani.

Il ricorso al medicinale deve essere effettuato sotto stretto controllo medico nel caso in cui il paziente soffra di insufficienza epatica, nonché nel caso di insufficienza renale.

Il trattamento deve essere svolto sotto stretto controllo medico nel caso in cui il paziente stia effettuando terapie a base di beta-bloccanti o di farmaci anti-ipertensivi.

Antrolin® dato che contiene come eccipienti metile p-idrossibenzoato sodico e propile p-idrossibenzoato può causare reazioni allergiche anche a distanza considerevole dall’assunzione. Antrolin® può inoltre causare dermatite da contatto.

Nifedipina e lidocaina sono in grado di attraversare la barriera placentare. La nifedipina, inoltre, sugli studi condotti su ratti e conigli da laboratorio ha dimostrato avere effetti di tipo teratogeno. Il farmaco è dunque sconsigliato per le donne che stanno affrontando una gravidanza.

Allo stesso modo è necessario evitare la somministrazione del prodotto nel caso in cui si stia allattando, in quanto la nifedipina è secreta nel latte materno.

La nifedipina, se utilizzata insieme alle bevande alcoliche può compromettere e rallentare la capacità di reazione. Per questo motivo, nonostante la crema sia applicata a livello topico, è necessario prestare la massima attenzione.

Effetti Collaterali

Possono esserci, collegate all’uso di Antrolin®, delle reazioni come bruciore, dolore e prurito, che possono colpire la zona dove viene applicata la crema.

Allo stesso modo è necessariamente da tenere in considerazione la possibilità che il farmaco causi iperemia e sanguinamento locale.

Gli effetti collaterali qui elencati sono collegati comunque alla terapia: una volta interrotta, gli effetti tendono a regredire.

Sono rare, ma comunque possibili, le reazioni allergiche nei confronti della lidocaina.

Nel caso di assorbimento sistemico non sono stati registrati degli effetti indesiderati.

Prezzo, regime di dispensazione, ricetta

Antrolin® crema rettale è un farmaco di classe C il cui costo è a totale carico del cittadino. Per acquistarlo è necessario recarsi in farmacia muniti di una ricetta medica ripetibile.

Il prezzo del farmaco è di 13,30 euro per un tubetto da 30 g.

Leggi Anche:

LASCIA UN COMMENTO