Bactrim: indicazioni, posologia ed effetti collaterali

Principio attivo: Sulfametossazolo e Trimetoprim Sulfametossazolo e Trimetoprim
Apparato: Antibiotici Antibiotici
Classe Terapeutica: Associazione tra sulfamidico e chemiterapico Associazione tra sulfamidico e chemiterapico
Ricetta: Ripetibile - Cedibile dal SSN Ripetibile - Cedibile dal SSN

Bactrim® è un farmaco prodotto dalla casa farmaceutica Roche S.p.A ed è un’associazione farmacologica di due principi attivi: sulfametossazolo e trimetoprim in rapporto 5:1. Appartiene alla classe terapeutica dei chemioterapici battericidi cioè di principi attivi ad azione battericida di origine totalmente sintetica.

Per cosa si usa Bactrim®? Come si può leggere dal foglio illustrativo di questo prodotto, i principi attivi di Bactrim® sono utilizzati per le seguenti indicazioni terapeutiche:

  • Infezioni a carico delle vie respiratorie superiori ed inferiori: sinusite, polmoniti (comprese anche quelle causare da Pneumocystis carinii), bronchiti e sue riacutizzazioni, otite media;
  • Infezioni a carico dell’apparato genito-urinario: cistiti, infiammazione renale, prostatite, infezioni genitali compresa l’uretrite da gonococco;
  • Infezioni a carico dell’apparato digerente: enteriti da tifo e paratifo causate da Salmonella typhi e paratyphi, infezione da Shigella ed altri patogeni sensibili all’azione del sulfametossazolo e del trimetoprim.

Bactrim® è disponibile in commercio in tre formulazioni differenti: compresse solubili, compresse e sospensione orale. Ogni formulazione può esistere in dosaggi differenti per cui, per la posologia, è importante sapere il dosaggio corretto del medicinale. Bactrim® necessita di una ricetta medica per essere acquistato oltre che del parere importantissimo del medico prima di assumerlo.

Cosa devo sapere prima di assumerlo?

Bactrim® non è un farmaco adatto a tutti ed esistono numerose controindicazioni per quanto riguarda la sua assunzione. Innanzitutto, non deve essere assunto da coloro che hanno un’ipersensibilità già nota verso i due principi attivi oppure verso uno o più eccipienti della formulazione. Non devono assumere Bactrim® coloro che soffrono di grave insufficienza renale con iperazotemia, lesioni al fegato e discrasie ematiche.

Nei bambini al di sotto dei due mesi d’età non può essere somministrato questo farmaco come anche nelle donne in gravidanza ed allattamento perché il farmaco può venire in contatto con il bambino rispettivamente attraverso la barriera placentare o nel latte. Anche chi soffre di insufficienza di glucosio-6-fosfato-deidrogenasi non può assumere Bactrim® perché questo enzima è importantissimo per la sua metabolizzazione.

In gravidanza, nei primi mesi di vita e nei pazienti anziani questo farmaco deve essere utilizzato solo in caso di estrema necessità. Questo farmaco non è indicato per curare le infezioni batteriche causate dallo streptococco beta-emolitico di gruppo A, responsabile di numerosi casi di faringite.

Come assumere Bactrim®: la posologia 

La posologia e la modalità di utilizzo di questo farmaco dipendono dalla forma farmaceutica e dal dosaggio della formulazione che il medico vi ha prescritto. Bactrim® esiste in commercio in tre formulazioni diverse: compresse solubili, compresse e sospensione orale. Ognuna ha il suo dosaggio normale e massimo a seconda della gravità dell’infezione, vediamo insieme come si assume.

  • Bactrim® compresse solubili e compresse 160 mg+800 mg. Per gli adulti e i bambini con età maggiore di 12 anni la posologia è di una compressa solubile due volte al giorno (mattina e sera a stomaco pieno) per la dose normale; mezza compressa solubile due volte al giorno per dose minima e trattamento prolungato (15 giorni) e una compressa solubile e mezza due volte al giorno nei casi particolarmente gravi (dose massima). La durata del trattamento in caso di infezioni acute è di almeno 5 giorni. Le compresse si sciolgono facilmente in acqua o in altre bevande e poi possono essere assunte;
  • Bactrim® compresse 80 mg+400 mg. La dose normale, per adulti e bambini al di sopra dei 12 anni, è di due compresse al giorno mattino e sera; per trattamenti prolungati una compressa due volte al giorno e la dose massima è di tre compresse due volte al giorno.

Le compresse sono indicate per la popolazione adulta o quanto meno per coloro che hanno facilità a deglutire le compresse, mentre nei bambini, specie quelli più piccoli, la soluzione più adatta e più logica è quella di somministrare loro lo sciroppo che esiste in due dosaggi differenti. Il misurino di Bactrim® ha la forma di un duplice cucchiaio, uno grande ed uno piccolo, per permettere maggiore accuratezza nella somministrazione ai bambini.

Bactrim sciroppo e compresse

Fonte foto: pharmamedix.com

La posologia di Bactrim® sciroppo 80 mg/5 mL + 400 mg/5 mL è di un misurino piccolo (1,25 mL) due volte al giorno per i bambini di età compresa tra le 8 settimane e i 5 mesi d’età. Mezzo misurino grande due volte al giorno per i bambini dai 6 mesi ai 5 anni e un misurino grande due volte al giorno dai 6 ai 12 anni. Invece, per Bactrim® sciroppo 40 mg/5 mL + 200 mg/5 mL la posologia è di mezzo misurino grande due volte al giorno per i bambini di età compresa tra 8 settimane e 5 mesi; un misurino due volte al giorno dai 6 mesi ai 5 anni e due misurini due volte al giorno dai 6 ai 12 anni.

Quali sono gli effetti collaterali?

Gli effetti collaterali di Bactrim®, come riporta anche il foglio illustrativo, vengono divisi in base alla frequenza di comparsa in molto comuni, comuni, rari e molto rari. Tra quelli più comuni abbiamo: nausea, vomito, diarrea, leucopenia, granulocitopenia e trombocitopenia, eccesso di potassio nel sangue (iperkaliemia), anoressia, rash maculopapulari e febbre. Tra gli effetti collaterali comuni abbiamo sopratutto reazioni a carico del tessuto cutaneo e sottocutaneo come sindrome di Stevens-Johnson, necrolisi epidermica tossica (NET), rash cutaneo da farmaco accompagnato da eosinofilia. Queste manifestazioni fanno la loro comparsa come macchie tonde o chiazze di colore rosso che si localizzano nella parte centrale del tronco. Altri effetti collaterali comuni sono ulcerazioni del cavo orale, della gola, del naso, dei genitali, uveite. Tutte queste manifestazioni cutanee possono essere accompagnate da sintomi molti simili all’influenza e non vanno sottovalutate. Il rischio di una loro comparsa è molto più frequente durante i primi giorni di trattamento e se ciò si manifestasse è opportuno contattare immediatamente il medico e sospendere immediatamente l’assunzione di Bactrim®.

Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice di Salutarmente.it. Laureata con lode in Farmacia ed esperta di salute, alimentazione e benessere.

4 COMMENTI

  1. Buona sera,
    io soffro di faringiti ricorrenti,che si trasformano in bronchiti,indagate ripetutamente senza chiarire la vera causa delle recidive che possono ricorrere anche ogni 3-6 mesi,nei casi più negativi.
    Ho in passato usato Bactrim,non sempre postiviamente ma almeno ho il minimo di effetti collaterali,tipo diarrea che invece frequentemente mi capita con altri farmaci.
    Mi è stato invece prescritto di recente Levofloxacina,e non ho iniziato l’assunzione perplesso dei pesanti effetti collaterali.
    In ogni caso,a prescindere dall’episodio odierno,vorrei un suo parere sui due farmaci.
    Saluti

    • Salve, tutti i medicinali hanno dei pro e dei contro. Se il medico le ha modificato la terapia preferendo la Levofloxacina al Bacrtim evidentemente vuol dire che le sue infezioni necessitano di questo principio attivo per eliminarle. Non si lasci frenare dagli effetti collaterali.

LASCIA UN COMMENTO