Herpes Nasale: Cause, Sintomi e Rimedi

L’herpes può davvero colpire in moltissime parti del nostro corpo ed oggi ci occupiamo di una delle più particolari, nonché delle più frequenti.

Parleremo infatti di herpes nasale, una manifestazione piuttosto tipica dell’infezione di questo virus, che può andare a creare problemi non solo, come molti credono, a livello estetico con la comparsa di croste sul naso non bellissime da vedere, ma anche a livello funzionale.

Herpes al naso Fonte foto: wisegeek.com

Vediamo insieme cosa c’è da sapere sull’herpes al naso, quali sono le cause, quali sono le modalità di contagio e come comportarsi nel caso in cui avesse dovuto colpirci.

La causa dell’herpes al naso

L’herpes nasale è causato dalla stessa tipologia di virus che colpisce in genere sulle labbra, ovvero l’herpes simplex di tipo 1 responsabile dell’herpes labiale. Si tratta dell’infezione più comune da herpes e quella in genere responsabile della comparsa delle tipiche escrescenze sulle labbra e sul volto.

Talvolta anche l’herpes di tipo 2, sebbene in casi molto rari, può essere responsabile della comparsa delle manifestazioni tipiche di questa infezione, anche se tipicamente e dunque nella maggioranza dei casi rimane limitato all’area genitale.

Quando parliamo di presenza dello stesso a livello di naso, dunque, siamo quasi sempre in presenza di herpes di tipo 1.

Il virus comunque, come detto poco sopra, piuttosto raramente arriva a coprire con le sue manifestazioni tipiche il naso, preferendo in genere il labbro.

Dove può colpire?

L’herpes in questione colpisce in genere sulla parte del naso, sia sulla parte esterna e dunque sulla punta e sulle narici, sia all’interno delle stesse, in quello che è forse il caso più fastidioso tra quelli ai quali può esporci appunto l’herpes di tipo 1.

Come avviene il contagio?

In realtà l’herpes di tipo 1 è un infezione di carattere endemico in tutto il mondo e nel momento in cui vi scriviamo, secondo i dati riportati dalla WHO, ovvero World Health Organization, circa il 65-67% della popolazione mondiale ne sarebbe affetta.

La trasmissione avviene principalmente per contatto orale con un soggetto che ne è infetto, avviene tipicamente da bambini e continua ad essere presente per tutta la nostra vita.

Il contagio tipicamente avviene con contatto di saliva, con le ferite causate dall’herpes e anche nel caso di herpes di primo tipo con un contatto con l’area genitale di un soggetto infetto, sebbene si tratti di un’area che tipicamente è esposta alle infezioni dell’herpes di tipo 2.

In circostanze particolarmente rare l’herpes di tipo 1 può essere trasmesso al bambino durante il parto dalla madre infetta.

L’herpes al naso è soltanto una delle manifestazioni possibili di questo virus

L’herpes nasale è dunque soltanto una delle manifestazioni tipiche dell’infezione da parte del virus, che nonostante colpisca in genere le labbra e le mucose interne del cavo orale, può talvolta presentarsi al di fuori di quello che è il suo habitat tipico e appunto andare a colpire il naso.

Si tratta inoltre di una ricorrenza più frequente nei soggetti immunodepressi, come potrebbe essere il caso dei pazienti sieropositivi oppure delle gestanti, che durante tutto l’arco della gravidanza presentano difese immunitarie fortemente indebolite.

In genere non ha complicazioni

L’herpes di tipo 1 molto raramente può causare conseguenze gravi, soprattutto quando dovesse manifestarsi a livello del naso. Va comunque tenuto sotto controllo con l’aiuto del medico in quanto, nel caso in cui dovesse raggiungere la parte superiore del volto, potrebbe rendersi responsabile di encefaliti e cheratiti.

Si può trattare?

In realtà non è possibile liberarsi in modo definitivo dell’infezione da herpes 1. Tuttavia, quando questa dovesse vivere i suoi momenti di picco e dunque manifestarsi con le fastidiose bolle e ulcere, nel nostro caso sul naso, può essere trattata con terapie a base di farmaci antivirali.

Si tratta di farmaci con importantissime interazioni con altri farmaci e che soprattutto sono adatti all’assunzione previo screening del medico.

Cosa fare nel caso di herpes al naso?

Sebbene il web pulluli di supposti metodi naturali per liberarsi dalle escrescenze e dalle bolle, in realtà sarebbe il caso di rivolgersi immediatamente al medico per ridurre la portata dell’infezione.

Tipicamente si utilizzano pomate di tipo locale a base di principi attivi antivirali, che sono in grado in un arco di tempo relativamente breve di andare a ridurre il fenomeno delle escrescenze.

Come abbiamo detto poco sopra, gli antivirali non sono comunque in grado di andare a debellare l’herpes, che rimarrà un’infezione con la quale dovremo fare i conti per il resto della nostra vita.

Per quanto riguarda i rimedi naturali, questi possono essere utili a superare i momenti di dolore e di fastidio particolarmente acuti, fenomeni che purtroppo si presentano con una certa frequenza nel caso di herpes al naso:

  • si può applicare ghiaccio nel caso in cui le ferite causate dall’herpes dovessero causare dolore intenso;
  • alcuni preferiscono applicare invece oli essenziali con proprietà antisettiche, sebbene la loro efficacia sia in molti casi tutta da dimostrare;
  • altri ancora suggeriscono impacchi di zenzero e limone.

Senza voler nulla togliere ai rimedi naturali, che pur spesso sono di grande conforto per chi sta vivendo determinate situazioni patologiche, in questo caso la via della pomata ad applicazione tipica con principio attivo antivirale è sicuramente la via più efficace da percorrere.

Cosa fare nel caso di herpes nasale per noi e per gli altri

L’herpes è un’infezione che, con uno stile di vita particolarmente attento, potrebbe essere evitata. Nel caso in cui fossimo di fronte ad un suo momento di picco, che nel nostro caso ha assunto la forma di herpes nasale, è assolutamente necessario:

  • utilizzare sempre asciugamani puliti e non condividerli con alcuno, per limitare le possibilità di contagio;
  • lavarsi le mani per bene ogni volta che si venga a contatto con le bolle e le ulcere causate dall’herpes stesso;
  • seguire i tempi di recupero indicati dal medico curante al fine di ristabilirsi pienamente ed evitare nuove manifestazioni violente del fenomeno.

L’herpes al naso, così come gli altri tipi di herpes causati dalla variante 1 del virus, non sono in genere motivo di preoccupazione, in quanto gli esiti infausti sono particolarmente rari. Questo però non vuole assolutamente dire che non ci sia bisogno di una terapia topica per liberarsi dell’herpes al naso entro tempi ragionevoli.

Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice del blog Salutarmente.it. Laureata in Farmacia con lode, da sempre appassionata da tutto ciò che riguarda la salute, l'alimentazione e il benessere.

LASCIA UN COMMENTO