Sedazione Cosciente: Costi ed Opinioni

Sono tante le persone odontofobiche, ossia coloro che hanno paura di sottoporsi ad una qualsiasi procedura per mano del dentista. Proprio per tranquillizzare queste persone subentra la sedazione cosciente (o analgesia sedativa).

Ma di cosa si tratta esattamente? Oggi ti forniremo tutte le informazioni più importanti per quanto riguarda la sedazione cosciente, vedremo insieme che cos’è, quali sono generalmente i prezzi della procedura, se ci sono dei rischi oppure no, quali sono gli effetti, anche collaterali.

Che cos’è la sedazione cosciente? A che cosa serve?

La sedazione cosciente è un procedimento attraverso il quale, il paziente, entra in uno stato di veglia, appunto cosciente, che gli permette di non percepire il dolore tipico di alcuni interventi di natura odontoiatrica.

Si tratta di una procedura particolarmente indicata per i bambini e per tutti coloro che hanno paura del dentista (odontofobia). Attraverso la sedazione cosciente il paziente rimane sufficientemente vigile per poter collaborare con lo specialista, e non percepisce alcun tipo di dolore.

Al giorno d’oggi questa tecnica è stata migliorata notevolmente a tal punto da sfruttare solo le proprietà sedative di sostanze del tutto innocue per il nostro organismo. La sedazione cosciente, in ambito medico, è conosciuta anche con il termine Analgesia Sedativa ed è senza ombra di dubbio l’alternativa migliore alle altre tecniche analgesiche che, tra l’altro sono molto più invasive.

Basta pensare all’anestesia totale che sfrutta un numero molto elevato di farmaci per sedare il paziente da operare e, all’aumentare dei farmaci utilizzati, ovviamente, aumentano anche gli eventuali rischi e gli effetti collaterali.

Tra i vantaggi principali connessi alla sedazione cosciente ricordiamo soprattutto quelli citati in seguito:

  • E’ una procedura veloce in quanto il paziente sarà perfettamente in grado di smaltire in pochi minuti gli effetti dei sedativi che sono stati usati;
  • E’ un metodo sicuro in quanto il paziente rimane vigile durante tutta la durata del trattamento e può tranquillamente collaborare seguendo le indicazioni del medico;
  • Elimina il riflesso emetico e riduce le secrezioni salivari;
  • Durante il trattamento che, senza sedazione, provocherebbe dolore, il paziente è completamente rilassato e a suo agio.

Come funziona la sedazione cosciente? E’ pericolosa?

Come abbiamo già accennato nel paragrafo precedente, la sedazione cosciente è una procedura molto semplice da mettere in pratica. Il metodo più sicuro di tutti è sicuramente quello dell’inalazione, anche se può essere fatta attraverso la somministrazione di alcuni farmaci ipnotici.

Nel caso dell’inalazione il paziente, una volta fatto accomodare sulla poltrona, verrà invitato ad inalare una miscela di ossigeno e di protossido di azoto, dosati adeguatamente grazie ad un apposito macchinario sofisticato. Una volta inalato il mix di ossigeno e azoto, il paziente sprofonda in una confortante sensazione di relax e il medico potrà iniziare a fare il suo lavoro in modo del tutto indisturbato, senza il timore di far male al paziente e con la sua totale collaborazione.

Esiste però anche una procedura che prevede la somministrazione endovenosa di due principi attivi ad attività ansiolitica ed anestetica: il midazolam e il propofol. Con questa procedura il paziente viene completamente addormentato e non percepisce nulla di quanto stia accadendo: non sente i rumori, il dolore ed al risveglio non ricorda nulla. Con questa tipologia di sedazione il paziente non sarà collaborativo.

Quali sono gli effetti della sedazione cosciente?

Gli effetti ottenuti con la sedazione cosciente sono particolarmente adatti per la maggior parte degli interventi tipici del dentista, ad esempio l’estrazione di un dente o la cura di una carie. Anche se il paziente che è stato sottoposto alla sedazione cosciente perde alcune funzioni motorie (ovviamente temporaneamente), ciò non significa che non sarà sufficientemente vigile da soddisfare tutte le richieste del dentista.

In questo modo, l’intervento per mano del dentista, non solo non sarà affatto doloroso, ma renderà il lavoro decisamente più facile anche allo specialista, aumentando così le probabilità di successo. In pratica l’effetto che contraddistingue la sedazione cosciente dalle altre metodiche che, come abbiamo detto sono anche più invasive, riguarda il fatto che il paziente perde buona parte della reattività del riflesso faringeo, ma, allo stesso tempo, rimane in uno stato assolutamente cosciente.

Possono esserci degli effetti collaterali? Ci sono delle controindicazioni?

Le controindicazioni connesse alla sedazione cosciente sono veramente poche in quanto il rischio di ipossia e anossia è ridotto a zero, grazie al fatto che la quantità di ossigeno che viene inalata è superiore alla quantità di ossigeno che si trova nell’aria che respiriamo.

Inoltre, non esiste alcun tipo di allergia al protossido di azoto il quale, tra l’altro, viene eliminato dal nostro organismo grazie all’ausilio dell’atto espiratorio. Di conseguenza il gas in questione non viene affatto metabolizzato dal nostro corpo.

Non ci sono limiti di età per sottoporsi ad una sedazione cosciente, anzi, chiunque può farlo. Questa procedura è stata infatti concepita proprio per rendere più sopportabili gli interventi dentistici, soprattutto per i più piccoli che hanno una soglia del dolore molto più bassa degli adulti.

Non ci sono controindicazioni neppure per quanto riguarda l’assunzione di altri farmaci anche perché, come abbiamo già detto, la miscela di sostanze che viene inalata non è metabolizzata, ma eliminata con l’espirazione. Gli unici casi in cui bisogna porre particolare attenzione sono i seguenti:

  • Nel caso di pazienti psicotici che assumono psicofarmaci, soprattutto se sono dei tranquillanti o dei sedativi. In questo caso il protossido di azoto può indurre delle variazioni della sfera emotiva del paziente;
  • La sedazione cosciente non può essere effettuata su pazienti oftalmici o su pazienti che hanno subito una ricostruzione chirurgica del timpano;
  • Nel caso in cui il paziente ha delle difficoltà concrete a respirare dal naso, a causa di malformazioni fisiche ma anche a causa di un forte stato infiammatorio;
  • Nel caso di una donna in dolce attesa bisogna prestare particolare attenzione, soprattutto se si trova nel primo trimestre di gravidanza. Anche se, in questi casi, la sedazione cosciente è la procedura più innocua a cui la futura mamma può sottoporsi;
  • Nel caso di pazienti non collaborativi che non sono capaci di seguire gli ordini del medico oppure di respirare dal naso;
  • Nel caso di pazienti tossicodipendenti in quanto le sostanze che assumono, unitamente con il protossido di azoto, può indurre variazioni della sfera emotiva.

Ci sono dei rischi connessi alla sedazione cosciente?

Così come accade per la maggior parte delle pratiche mediche, anche in questo caso ci sono dei rischi connessi alla sedazione cosciente. Tra i più comuni ricordiamo soprattutto i seguenti:

  • Una depressione respiratoria;
  • Uno stato di amnesia in cui il paziente non ricorda i particolari dell’intervento dentistico che ha subito;
  • Fantasie e/o sogni a sfondo sessuale durante l’intervento;
  • Sedazione eccessiva in cui l’anestesista potrebbe ritenere opportuno usare altri farmaci per ripristinare lo stato di coscienza del paziente.

Quali sono generalmente i prezzi della sedazione cosciente?

Per quanto riguarda il costo di una sedazione cosciente, bisogna prima di tutto ricordare che il prezzo di questa procedura può variare in base alla presenza di alcuni fattori, soprattutto per quanto riguarda lo studio dentistico a cui ci riferiamo.

Generalmente il costo di una sedazione cosciente è piuttosto elevato in quanto questa metodica prevede dei costi di manutenzione (sia del macchinario sia delle bombole), dei costi di aggiornamento, il prezzo del macchinario stesso e quello delle bombole. In linea di massima possiamo però dire che, di solito, il costo orario di utilizzo del macchinario per la sedazione cosciente parte da una base di circa 90 euro che, come abbiamo detto, può variare in base ad altri fattori.

Opinioni sulla sedazione cosciente

I pazienti che hanno avuto la possibilità di sfruttare i benefici della sedazione cosciente sono particolarmente entusiasti del risultato ottenuto, soprattutto per quanto riguarda coloro che avevano paura di sottoporsi ad un intervento dentistico.

L’odontofobia, ossia la paura del dentista, è una fobia molto diffusa che spesso induce coloro che hanno bisogno di un trattamento a procrastinare, fino a quando il dolore non diventa insopportabile e sono costretti a recarsi dallo specialista. In questi casi la sedazione cosciente si è dimostrata praticamente miracolosa, dando ai dentisti la possibilità di operare indisturbati, con un paziente collaborativo, e al paziente la possibilità di rilassarsi durante una procedura che, altrimenti, sarebbe motivo di ansia e preoccupazione.

LASCIA UN COMMENTO