Calorie giornaliere per dimagrire: come calcolarle?

    Per dimagrire basta ridurre le calorie ingerite e questo ormai lo sappiamo benissimo; ma quante sono le calorie da assumere per dimagrire? Naturalmente non c’è una risposta univoca dal momento che sono molti i fattori che intervengono su questo numero: dal sesso del soggetto allo stile di vita che conduce, ma possiamo comunque calcolare le calorie giornaliere da assumere avvalendoci della consulenza di un nutrizionista che saprà darci il valore esatto grazie all’aiuto di appositi esami. Per prima cosa bisogna chiarire che ridurre le quantità di calorie ingerite non vuol dire ridurre la varietà delle stesse, nel senso che la nostra alimentazione dovrà prevedere l’assunzione di tutti i nutrienti necessari. Le sostanze nutritive devono essere tutte presenti e devono rispettare nella loro totalità il fabbisogno calorico necessario all’espletamento delle normali funzioni dell’organismo. È sbagliato demonizzare un alimento perché magari ricco di grassi, anche questi servono, piuttosto cerchiamo di capire la natura di essi preferendo quelli “naturali” a discapito di quelli “industriali”. Per avere un numero preciso delle calorie giornaliere per dimagrire che dovete assumere e delle quantità degli alimenti che dovrete mangiare per coprire il vostro fabbisogno la prima cosa da fare è rivolgersi ad un nutrizionista e non azzardare diete fai da te.

    Calcolo della calorie giornaliere per dimagrire

    Per calcolare il numero esatto delle calorie giornaliere di cui abbiamo bisogno basterà sottoporsi ad un esame velocissimo: la BIA. Questo esame è in grado di dirci tra le varie cose le calorie che soddisfano il nostro metabolismo basale. Il nutrizionista poi elaborerà questo dato, supportandolo con informazioni relative al vostro stile di vita, e vi fornirà un numero che indicherà le calorie di cui avete bisogno quotidianamente per espletare tutte le vostre funzioni vitali compreso respirare. Se il vostro obiettivo è dimagrire allora questa quota calorica va diminuita di una quantità che deciderà il vostro nutrizionista tenendo conto anche dell’entità del vostro dimagrimento. Per capirci meglio proviamo a fare un esempio. Se siete una donna, avete uno stile di vita sedentario e pesate tra i 52 e i 58 kg dovreste introdurre almeno 1800 calorie. Se il vostro indice di massa corporea (BMI) che tiene conto dell’altezza indica che siete in sovrappeso sarà necessario “tagliare” da questo valore un ammontare di calorie tale da portare alla perdita dei kg necessari. Per gli uomini, invece, se il vostro peso si aggira attorno ai 70kg e fate una vita sedentaria allora dovete assicurarvi almeno 2000 calorie. Ovviamente, la quantità di calorie necessarie di cui abbiamo bisogno quotidianamente aumenta se si pratica uno sport.

    Calorie giornaliere per dimagrire

    Leggi anche: Benefici della camminata veloce per dimagrire

    La scelta di un menù equilibrato che rispetti i requisiti sopra indicati può non essere semplicissima, è per questo motivo che è sempre utile affidarsi ad un dietista o ad un nutrizionista. Se, invece, non siete costanti, non avete voglia oppure tempo da investire in questo modo, potete iniziare a seguire semplici consigli di buon senso che vi aiuteranno nel raggiungimento dell’obiettivo che vi siete posti.
    Non è necessario seguire una dieta “famosa” o regimi alimentari che stravolgano le nostre abitudini quotidiane: una delle diete più apprezzate e consigliate dalla comunità scientifica è quella mediterranea che prevede il consumo di 5 porzioni di frutta e verdura, legumi, poca carne (tra bianca e rossa), pesce azzurro ed olio extravergine di oliva come condimento. La colazione può prevedere una tazza di latte oppure uno yogurt con due fette di pane tostato oppure cereali integrali a cui potete aggiungere un frutto fresco di stagione. A metà mattina e a metà pomeriggio potete invece scegliere tra un frutto, una macedonia senza zucchero, un succo senza zucchero. Il pranzo prevede 60 g di pasta condita con legumi o verdure, un piccolo secondo ed un abbondante contorno. Cercate di variare molto e di non mangiare sempre le stesse verdure. Potete optare anche per delle ottime zuppe di legumi e cereali che rappresentano un ottimo piatto unico a cui abbinerete semplicemente un contorno di verdura. La cena prevede un secondo da scegliere tra uova, carne, pesce, latticini accompagnati con delle verdure ed una piccola fetta di pane ed un frutto a scelta. Come vedete non c’è bisogno di stravolgere completamente il vostro modo di mangiare ma solo “aggiustare” le quantità ed avere cura nella scelta del cibo che mangiamo.

    LASCIA UN COMMENTO