Dieta Plank: Funziona? Menù, Risultati e Testimonianze

Arriva direttamente dagli Stati Uniti ed è sicuramente una tra le diete “lampo” più discusse e criticate dalla comunità scientifica: parliamo della dieta Plank, un regime alimentare decisamente restrittivo, ipocalorico ed iperproteico che se da un lato promette di perdere fino a 9 chili in sole due settimane, dall’altro rappresenta un vero e proprio “insulto” per il nostro benessere e per la nostra salute.

Gli aggettivi con cui vi ho presentato la dieta Plank non sono casuali ma accuratamente scelti per mettere in evidenza le caratteristiche più delicate di questo regime alimentare per dimagrire che risulta:

  • restrittivo perché ammette pochissime variazioni negli alimenti che bisogna mangiare;
  • ipocalorico perché prevede l’assunzione di 1200-1300 kcal giornaliere indistintamente per tutti e senza tener conto delle differenze individuali in termini di metabolismo basale e dispendio calorico giornaliero
  • iperproteico perché prevede l’assunzione di quantità decisamente elevate di proteine, consumate sia a pranzo che a cena, mentre i carboidrati complessi e semplici hanno un ruolo marginale e residuale.

Si sa, quello di aumentare l’apporto proteico è forse uno dei metodi più semplici per “asciugare” il fisico ma allo stesso tempo sovraccaricare fegato e reni che saranno chiamati ad un lavoro immane per smaltire l’eccessiva produzione di tossine e scarti metabolici della digestione proteica.

Se queste sono le premesse, capirete benissimo che la dieta Plank non è un regime alimentare che possono seguire tutti specie quando sono presenti disfunzioni renali ed epatiche.

Nella guida di oggi focalizzeremo la nostra attenzione su questo regime alimentare per dimagrire: menù, opinioni, risultati e commenti. Cercheremo di capire anche se la Dieta Plank funziona per perdere peso oppure si tratta di un piano restrittivo che non da i risultati attesi e sperati.

Voltiamo pagina ed iniziamo. 

1
2
3

LASCIA UN COMMENTO