Liposuzione alimentare: cos’è? funziona?

Liposuzione Alimentare è il nome di un regime iperproteico brevettato, che fa affidamento su tre strategie diverse che hanno come fine ultimo quello di portare ad un dimagrimento consistente non eccessivamente difficoltoso, stando a quanto riportato sul sito ufficiale del metodo. Questo regime prevede un dimagrimento attuabile sfruttando tre strategie diverse: sondino senza sondino, sondino e aminoacidico.

Dietro il nome particolarmente suggestivo si potrebbero però nascondere delle problematiche che, lo ricordiamo ai nostri lettori, sono purtroppo la norma in un mondo, come quello delle diete, dove il sapere anti-scientifico si diffonde alla velocità della luce e dove, purtroppo, spesso si riesce ad ottenere molto meno di quello che si promette. Purtroppo la convinzione che esista il metodo rapido ed efficace per dimagrire senza sacrifici è dura a morire e molti veramente credono che l’ultima dieta del momento sia quella giusta per ritrovare la forma fisica perfetta. Mi dispiace deludervi ma un corpo in salute e in forma si costruisce con una sana alimentazione ed attività fisica nel tempo e non con diete lampo che lasciano il tempo che trovano.

Cosa c’è da sapere sul sistema di Liposuzione Alimentare? Quali sono i pro e i contro? Ci sono controindicazioni importanti per chi soffre di particolari patologie?

Una dieta basata sulla chetosi

Checché ne dicano gli uffici del marketing, Liposuzione Alimentare è un sistema dietetico iper-proteico, che si basa sul raggiungimento dello stato di chetosi, uno stato biologico del nostro corpo che subentra nel caso in cui la deprivazione da zuccheri e dunque lo svuotamento delle riserve di glicogeno duri per periodi sufficientemente lunghi. Si tratta di un sistema che è in realtà utilizzato da moltissime diete (diete chetogeniche) e sebbene siano in moltissimi i sostenitori (e in verità anche coloro i quali sono riusciti a raggiungere degli importantissimi risultati) porta con sé anche delle importantissime controindicazioni, di cui comunque parleremo più avanti.

Lo stato di chetosi rappresenta un autentico stato di emergenza per il nostro corpo, il quale cessa di consumare zuccheri come fonte primaria e immediata di energia, andando a consumare principalmente i grassi accumulati. Questo stato però, come sarà in grado di spiegarvi il vostro medico, al quale vi invitiamo a rivolgervi non solo prima della dieta Liposuzione Alimentare, ma prima di intraprendere qualunque tipo di dieta, rilascia nel corpo chetoni, delle particelle che costringono i reni ad un lavoro estremamente duro, motivo per il quale difficilmente si consiglia di proseguire questi trattamenti per periodi prolungati.

La Liposuzione Alimentare: funziona?

Per giudicare il funzionamento o meno di un regime alimentare dobbiamo necessariamente individuare i parametri che sono alla base del confronto:

  • la liposuzione alimentare fa sicuramente dimagrire, se intendiamo il dimagrimento da un punto di vista scientifico, ovvero come la riduzione della percentuale di grasso corporea. I sistemi basati sulla chetosi sono sicuramente efficaci e degni di un tentativo, a patto comunque di individuare i margini entro i quali operare e a patto di non avere alcun tipo di problematica pregressa per quanto riguarda le nostre condizioni di salute affidandosi alle mani esperte di un medico;
  • la liposuzione alimentare non permette di dimagrire però, al contrario di quanto afferma il marketing di chi vende gli integratori allegati, senza “sofferenze”. Si avvertirà, anche se in verità meno che in altre diete, la fame, e al tempo stesso si finirà per soffrire talvolta per la mancanza di alcuni alimenti nel proprio menù, nello specifico quelli a base di carboidrati;
  • la liposuzione alimentare non è assolutamente in grado di farci perdere grasso localizzato. Quindi se pensiamo di intraprendere questo percorso con la finalità di perdere cm sulla pancia e sulle cosce sbagliamo in partenza.

Sono purtroppo ancora moltissime le diete che affermano di poterci far dimagrire in modo localizzato, ovvero andando ad attaccare i cumuli di adipe nelle zone più anti-estetiche. Diete per perdere peso sui fianchi, sul giro-vita, sui glutei e chi più ne ha più ne metta. Si tratta però di regimi che promettono qualcosa che, scientificamente, non si può assolutamente mantenere. Non esiste infatti alcun metodo scientificamente provato in grado di poterci far dimagrire in modo localizzato. Si tratta di fandonie messe in piedi dal marketing e dalla pubblicità.

Una dieta non adatta ai nefropatici

Chi soffre, a qualunque titolo, di problemi ai reni, dovrebbe astenersi non solo dal regime di Liposuzione Alimentare, ma da qualunque tipo di regime iperproteico. Parliamo, infatti, di diete che pongono carichi troppo impegnativi sui nostri reni e che dunque devono essere evitati a tutti i costi.

Quanto dura il regime Liposuzione Alimentare?

Siamo davanti ad un regime alimentare che ha diverse durate a seconda del peso forma che bisogna raggiungere. Il ciclo più lungo pre-mantenimento è di 21+21 giorni rispettivamente periodo di trattamento e mantenimento. Il ciclo più corto invece prevede 10 giorni di trattamento e 14 di mantenimento. Se il peso forma è stato raggiunto allora il ciclo termina qui, in alternativa si prosegue con un ulteriore ciclo trattamento/mantenimento.

Liposuzione alimentare funziona Fonte foto: liposuzionealimentare.it

L’integratore Amin 21 K: cos’è?

A corredo della dieta, e secondo chi gestisce i canoni della stessa parte fondamentale, c’è l’integratore Amin K 21. Si tratta di un integratore proteico basato sulle proteine del siero del latte che ha, come obiettivo, quello di aumentare le dosi di proteine assunte ogni giorno.

Svolge un ruolo di controllo dell’appetito, in quanto le proteine appunto sono in grado di donare un senso di sazietà più duraturo nel tempo soprattutto se paragonato agli zuccheri. Per la riuscita del regime, assumere anche il (costoso) prodotto integrativo è un must.

Si tratta di una buona dieta? Le opinioni

Il sistema Liposuzione Alimentare è un metodo che permette sicuramente di dimagrire, sfruttando però la chetosi, un regime che in molti medici si sentono di sconsigliare, soprattutto se per lunghi periodi.

Si tratta, dunque, di una dieta che nulla toglie e nulla aggiunte al mondo delle diete iper-proteiche o low-carb e che dovrebbe essere dunque preso non solo con il beneficio di inventario, ma anche con la necessità di rivolgersi ad un medico che sarà in grado di stabilire se possiamo seguire il regime e se sia il caso, date le nostre condizioni di salute, di farla proseguire per il periodo stabilito dai canoni della stessa.

La Liposuzione Alimentare può dare una mano ma non risolvere tutti i problemi che in genere circondano chi è in sovrappeso; inoltre, si tratta sicuramente di un regime impegnativo che obbliga ad abbandonare alcune abitudini alimentari decisamente radicate. Non è, per intenderci, la passeggiata che vogliono farvi credere.

3 COMMENTI

  1. Il semplice fatto che definite questo trattamento (che non è una dieta), “un regime iperproteico” la dice lunga sulla “bontà” del vostro articolo!
    Vero e’ che per 10gg si introducono solo proteine, ma in quantità che vanno calcolate in base al peso corporeo e che sono assolutamente normali.
    Le carenze di vitamine, grassi essenziali e minerali, ammesso che possono manifestarsi in un periodo così breve sono scongiurate da una semplice integrazione.
    Insomma, avete scritto un cumulo di sciocchezze e non voglio entrare nel merito delle diete chetogeniche perché il discorso sarebbe troppo lungo.

    • Ciao Domenico. L’articolo che hai letto è una rielaborazione di quanto riportato sul sito ufficiale del metodo in cui si afferma che il trattamento aminoacidico avverrà mediante l’assunzione di un integratore che sarà uguale per tutti. Dallo stesso sito ufficiale non si evince che la quantità di proteine sarà diversa a seconda del paziente. Secondo noi questo non è un approccio sempre corretto. Sono punti di vista.
      Quando si parla di alimentazione e dieta i punti di vista sono spesso diversi ed in contrasto. Negli ultimi anni sono state molte le diete “firmate” che sono circolate sul web e negli studi dei nutrizionisti. Noi non ci schieriamo nè a favore nè contro ma cerchiamo di riportare sempre i pro e i contro mettendo in luce i rischi ed i benefici.

  2. Vorrei raccontare la mia esperienza. Ero in sovrappeso di 15 kg e con alle spalle tanti tentativi e fallimenti. Circa un mese fa, sotto controllo medico, ho fatto il trattamento con Amin 21k per 10 giorni, il sondino senza sondino. Ho bevuto 2 litri di acqua al giorno e preso alcuni integratori: il multivitaminico Fullvit, Drenanten contro i liquidi in eccesso e Basosyn per sgonfiare la pancia. L’essere seguita da un medico mi ha fatto affrontare la prova più serenamente , inoltre il dottore mi ha garantito che la quantità di proteine assunte non superava quelle previste in un regime dietetico normale. Naturalmente per arrivare fino in fondo ci vuole molta determinazione, ma ne è valsa la pena. Ho perso 5,3 Kg soprattutto sui fianchi e la pancia. Dopo la fase di mantenimento, tra qualche giorno inizierò il secondo ciclo. Spero di avere lo stesso risultato del primo, ma sono consapevole che, per mantenere i risultati, dovrò adottare uno stile di vita salutare.

LASCIA UN COMMENTO