Acido Borico, Cura dell’Orecchio e degli Occhi: Come Usarlo

Chimicamente l’acido borico è un acido debole che trova impiego come antisettico, disinfettante e batteriostatico. L’acido borico può essere acquistato sia sotto forma di bustine da sciogliere in acqua oppure come soluzioni acquose già pronte a concentrazione nota.

Queste soluzioni sono utili in caso di disinfezione di piccole aree cutanee interessate da ustioni minori ed in genere in tutti quei casi di pelle screpolata e/o irritata. Inoltre, l’acido borico si trova in commercio in comodi tamponcini da poter utilizzare direttamente sulla zona interessata. E’ indicato anche nel trattamento dell’acne per via della sua attività antibatterica. Trova impiego, inoltre, come antisettico oculare, come antisettico dell’orecchio e nella detersione intima femminile.

L’acido borico è uno di quei presidi caduto un po’ in disuso in seguito all’immissione sul mercato di prodotti più tollerati e specifici per il problema, ma resta comunque una valida alternativa per tutti coloro che manifestano intolleranze a particolari ingredienti presenti all’interno di queste formulazione.

Vediamo insieme quali sono i vantaggi dell’uso dell’acido borico.

Acido borico ed orecchio per un’azione disinfettante

L’acido borico viene utilizzato, in campo otologico, come disinfettante del padiglione auricolare esterno e del timpano. Infatti, tra le indicazioni dell’acido borico vi è anche quella della detersione del orecchio in caso di infezioni batteriche.

Questo presidio è utilizzato per la sua scarsa aggressività e per piccole infezioni, infatti in caso di infezioni più gravi bisogna ricorrere ad antibiotici ben più attivi.

Esso viene utilizzato sottoforma di gocce oculari a concentrazione opportuna. L’acido borico può essere un valido aiuto per la detersione dell’apparato uditivo di coloro che frequentano piscine oppure ambienti nei quali è facile beccarsi un’infezione.

Occhi ed acido borico: un rimedio per le infezioni oculari

Le infezioni oculari, come ad esempio congiuntiviti ed orzaiolo provocate da batteri patogeni, possono essere potenzialmente molto pericolose se non trattate opportunamente. L’acido borico può rappresentare un rimedio efficace per contenere il fenomeno ed evitare la comparsa del disturbo.

L’acido borico, in questi casi, viene utilizzato sotto forma di bagno oculare sfruttando le sue proprietà antisettiche e disinfettanti. Infatti, esso esercita la sua blanda azione antimicrobica rallentando la divisione batteria.

Dunque, è a tutti gli effetti un batteriostatico. L’utilizzo di questo composto nella cura di congiuntiviti batteriche deve avvenire sotto stretto controllo dell’oculista in quanto esistono diverse limitazioni del suo utilizzo in relazione al ceppo batterico.

Come si utilizza l’acido borico per bagno oculare?

La confezione prevede un’occhiera in plastica ed un flacone sterile contenente la soluzione a concentrazione nota. Quello che dovrete fare è: lavare l’occhiera, riempirla per metà con la soluzione ed applicarla saldamente contro l’occhio aperto.

Per una detersione profonda potete aprire e chiudere l’occhio per 3-4 volte e poi cercate di mantener l’occhio aperto per il maggior tempo che potete. L’operazione va ripetuta anche per l’altro occhio, anche se apparentemente sano, in quanto il rischio di contaminazione in quella zona resta elevato.

Resta compito del medico quello di prescrivere l’acido borico per il problema di cui soffrite ed è necessario sempre consultare l’oculista nel caso soffriate di altre patologie oculari.