Cerazette® Pillola: Foglio Illustrativo, Prezzo ed Effetti Collaterali

Cerazette® è un medicinale prodotto e commercializzato dalla casa farmaceutica MSD Italia S.r.l.

Il suo principio attivo, desogestrel, è correntemente utilizzato come contraccettivo ormonale per uso sistemico per evitare il concepimento. Si tratta dunque di una pillola anticoncezionale costituita da un solo principio attivo.

Forme farmaceutiche e dosaggio

Cerazette® è attualmente disponibile in una sola forma farmaceutica:

  • Confezione da 28 compresse rivestite in blister.

Meccanismo d’azione

Cerazette® appartiene alla categoria farmaceutica dei contraccettivi ormonali di tipo sistemico.

Si tratta di un medicinale a base di soli progestinici, desogestrel, che è ritenuto più adatto per chi ha bisogno di copertura contraccettiva durante l’allattamento, nonché per le pazienti che non possano oppure non vogliano utilizzare estrogeni.

L’effetto dei farmaci di questo tipo è ottenuto ricorrendo all’inibizione dell’ovulazione ed ha, come effetti secondari, l’aumento della viscosità del muco cervicale e la mancata formazione dell’endometrio.

Posologia e modalità d’impiego

Cerazette® deve essere assunto possibilmente ogni giorno, alla stessa ora. L’intervallo ideale nell’assunzione di due compresse è di 24 ore esatte.

Si deve procedere con l’assunzione della prima compressa il primo giorno in cui compaiono le mestruazioni e poi procedere con l’assunzione di una compressa al giorno.

È possibile iniziare l’assunzione di Cerazette® anche tra il secondo e il quarto giorno di ciclo, anche se in questo caso è consigliabile utilizzare ulteriori metodi contraccettivi (profilattico) per i primi sette giorni dall’assunzione, in quanto non è assolutamente garantita la copertura.

Dopo un aborto che si sia verificato nelle prime 12 settimane, è necessario iniziare l’assunzione di Cerazette® subito.

Nel caso di parto o di aborto negli ultimi due trimestri, è necessario iniziare l’assunzione della compressa nel periodo che va dal 21esimo al 28esimo giorno dal parto o dall’aborto.

Nel caso di assunzione invece in sostituzione di altra pillola, è sempre consigliabile cominciare la somministrazione del farmaco il giorno successivo all’ultima compressa del precedente trattamento.

Nel caso di compressa di Cerazette® dimenticata

Nel caso in cui si dimentichi di assumere una compressa, la protezione contraccettiva può essere ridotta nel caso in cui siano passate più di 36 ore. Nel caso in cui ci si sia accorti della dimenticanza nelle prime 12 ore, è necessario procedere immediatamente con l’assunzione della pillola dimenticata. Nel caso in cui invece siano passate più di 12 ore, è consigliabile ricorrere ad un metodo contraccettivo aggiuntivo per la prima settimana dalla dimenticanza.

Assunzione di Cerazette® e vomito

Nel caso in cui la paziente vomiti nelle prime 4 ore dall’assunzione di Cerazette®, l’assorbimento potrebbe essere non completo. In questo caso diventa necessario procedere come se si fosse dimenticata una pillola, ovvero con una nuova assunzione entro le 12 ore dall’orario tipico di assunzione del farmaco.

Sovradosaggio

Non sono state registrate reazioni gravi ad eventuali sovradosaggi di Cerazette®. Si possono presentare vomito e nausea, nonché lieve sanguinamento vaginale. Non ci sono trattamenti specifici per il sovradosaggio e il medico dovrà preoccuparsi esclusivamente di curare la questione a livello sintomatico.

Controindicazioni

Esistono delle controindicazioni all’utilizzo di Cerazette®, che dovranno essere tenute in debita considerazione prima di pensare di poter procedere con la somministrazione del farmaco.

La somministrazione del farmaco è sconsigliata alle pazienti che presentino:

  • Grave insufficienza epatica, che può essere il risultato di patologie in atto o pregresse, per tutto il periodo durante il quale i valori di funzionalità epatica dovessero registrarsi come fuori norma;
  • tumori maligni, anche se solo sospetti, che possono avere una relazione con gli steroidi sessuali;
  • sanguinamento vaginale;
  • tromboembolismo venoso in atto.

Il farmaco è, inoltre, ovviamente controindicato per le pazienti che abbiano fatto registrare ipersensibilità al principio attivo.

Precauzioni per l’uso

Cerazette® non deve essere assunto nel caso in cui esistesse il rischio di sviluppare una qualunque delle condizioni di cui alla voce “Controindicazioni“. L’utilizzo dei farmaci a base di desogestrel devono essere sempre considerati in un’ottica generale di rischio-beneficio.

Aumenta il rischio di cancro mammario, anche se in misura statisticamente quasi irrilevante. Il rischio comunque torna a livelli normali a 10 anni dal termine dell’assunzione del farmaco.

Non può essere escluso un effetto di tipo biologico su eventuali forme tumorali che interessano il fegato e dunque è necessario un esame medico approfondito nel caso in cui si stesse pensando di iniziare l’assunzione di Cerazette®.

L’assunzione di questo farmaco può aumentare l’incidenza di di tromboembolia venosa. È assolutamente necessario interrompere l’assunzione del farmaco nel caso di tromboembolia.

Deve essere, inoltre, interrotta l’assunzione del farmaco nel caso in cui la paziente dovesse far registrare ipertensione sostenuta, nonché un aumento consistente della pressione arteriosa.

In casi comunque rari possono presentarsi episodi di cloasma. Durante l’assunzione le donne che possano sviluppare tale condizione dovrebbero evitare l’esposizione a raggi UV.

All’interno di Cerazette® è contenuto lattosio ed è dunque sconsigliato per l’uso da parte dei soggetti che vi sono intolleranti, oppure che soffrano di patologie che comportano malassorbimento dello stesso.

Gravidanza e allattamento

Cerazette® è controindicato durante la gestazione. Nel caso in cui dovesse verificarsi una gravidanza durante l’assunzione del medicinale, diventa necessario interromperne l’assunzione.

Studi di laboratorio condotti su animali hanno sottolineato la possibilità di mascolinizzazione dei feti di sesso femminile.

Il farmaco può essere utilizzato durante l’allattamento, nonostante sia consigliato comunque attento monitoraggio.

Interazioni con altri farmaci

Vi possono essere delle interazioni, anche importanti, con i farmaci che inducono gli enzimi microsomiali. È inoltre da considerare l’interazione tra il farmaco e altri medicinali che possono aumentare la clearance degli ormoni sessuali:

  • barbiturici;
  • carbamazepina;
  • felbamato;
  • griseofulvina;
  • idantoine;
  • rifampicina;
  • ritonavir.

Nel caso in cui si stia seguendo un trattamento a base di carbone attivo vegetale contro i gonfiori addominali, si può ridurre l’assorbimento del principio attivo, portando ad una riduzione anche importante del potere contraccettivo di Cerazette®.

Effetti collaterali

Tra gli effetti collaterali quello più comunemente fatto registrare è il sanguinamento irregolare, che colpisce quasi una donna su due tra quelle che si sottopongono al trattamento.

In casi tra l’1% e il 2,5% può comparire acne, modificazioni dello stato umorale, dolore alle mammelle, nausea e leggero aumento del peso corporeo.

Il farmaco può portare inoltre a cefalea.

In casi meno comuni (meno di 1 su 100), possono comparire infezioni vaginali, vomito, dismenorrea, cisti ovariche, senso di affaticamento.

Ricetta, Regime di Dispensazione e Prezzo

Cerazette® è un medicinale di classe C e quindi a totale carico del cittadino, senza che sia presente la possibilità di rimborso da parte del SSN.

Non sono presenti note AIFA e il farmaco viene venduto con ricetta ripetibile.

Il prezzo di una confezione di Cerazette® è di circa 15,50 euro.

Condividere su:

Leggi Anche

LASCIA UN COMMENTO