Pressione Minima Alta: Cause, Sintomi e Cosa fare

Tenere sotto controllo la pressione arteriosa è il primo passo per quantificare i rischi connessi alle malattie cardiovascolari, all’insufficienza cardiaca ed altre patologie gravi.

Prima di parlare della pressione minima alta dobbiamo innanzitutto chiarire cosa intendiamo quando parliamo di pressione arteriosa.

Quando si parla di pressione arteriosa si fa riferimento al sangue pompato dal cuore sui vasi, ed in particolare indica la forza con cui il sangue preme contro le pareti dei grossi vasi, le arterie.

Se la pressione arteriosa è alta, e si mantiene tale per molto tempo, si parla di ipertensione arteriosa: una condizione che può provocare seri danni alle pareti dei vasi. Il cuore batte secondo intervalli precisi con un ritmo regolare nel tempo generando due tipi di pressione: quella sistolica detta pressione massima e la pressione diastolica detta pressione minima.

La pressione massima o sistolica è quella pressione che si misura quando si contrae il ventricolo sinistro, quella diastolica o minima quando quest’ultimo è in stato di rilassamento.

Ma cosa succede se si ha la pressione minima alta? Cosa fare se si ha la pressione minima alta?

Nel corso di questo articolo cercheremo di chiarirvi ogni dubbio a riguardo.

Quali sono i valori normali della pressione arteriosa?

Quale valore è più importante nella misurazione della pressione? Il valore massimo o il minimo?

La risposta è: entrambi! Se i valori della pressione si aggirano tra 110 e 140 di massima e 70 e 90 di minima possiamo stare tranquilli perché i nostri valori rientrano nella norma.

Per parlare di ipertensione arteriosa è necessario che i nostri valori salgano al di sopra dei 140/90; anche se valori compresi tra 120 e 139 di massima o tra 80 e 89 di minima indicano già una condizione di pre-ipertensione.

Il monitoraggio del valore di pressione minima è particolarmente importante nelle popolazioni più giovani perché più soggette a sforzi fisici come sport o divertimenti vari.

Pertanto, è necessario tenere sotto controllo la pressione arteriosa, effettuando misure periodiche, e se notiamo una significativa variazione rispetto ai valori normali, è bene prendere tempestivi provvedimenti e contattare il proprio medico che valuterà la necessità o meno di ulteriori indagini.

Pressione Minima Alta

Quali sono i sintomi di una pressione minima alta?

Spesso, i sintomi di una pressione minima alta sono assenti oppure facilmente confondibili con situazioni del tutto fisiologiche come astenia, affaticamento, mal di testa pulsante, capogiri, acufeni, apnee e fame d’aria.

Il medico, infatti, valutato il vostro quadro clinico dovrà indagare a fondo e sottoporvi ad analisi specifiche come ascoltare i battiti cardiaci per rilevare la presenza di particolari anomalie, ascoltare il rumore generato dal sangue sulle pareti delle arterie più importanti di collo, addome ed arti, misurare la pressione endoculare e monitorare la frequenza cardiaca con un elettrocardiogramma.

Accanto a queste valutazioni, il medico potrà prescrivervi delle analisi del sangue perché la pressione minima alta può danneggiare anche organi ed apparati diversi dal cuore. A tal proposito è importante valutare: la funzionalità renale con il dosaggio della creatinina, la potassiemia, glicemia, colesterolemia ed indagini su particolari infezioni batteriche e virali.

Molto importante per il medico sarà anche la raccolta della vostra storia medica personale: assunzione di altri farmaci, alimentazione, attività fisica, fumo, alcool, sostanze d’abuso.

Cosa fare se si ha la pressione minima alta?

Quando la pressione minima è alta, risulta elevato anche il rischio di malattie cardiovascolari. Se lo sfigmomanometro (lo strumento per misurare la pressione) segna una minima superiore agli 80 mmHg (millimetri di mercurio) dovete iniziare a monitorarla costantemente per capire la causa dell’aumento di questo valore.

I casi possono essere isolati e non denotare alcuna patologia, ma se una volta effettuate più misurazioni giornaliere notiamo che la minima rimane alta, bisogna rivolgersi ad un medico che valuterà se iniziare o meno una terapia con farmaci antipertensivi.

Quali sono le cause della pressione minima alta?

Ad incidere sull’aumento di questo valore vi sono diversi fattori che vanno ricercati sia in condizioni fisiologiche dell’organismo (stress, ansia, malformazioni congenite) sia in situazioni esterne all’organismo e strettamente legate allo stile di vita. Le cause di una pressione minima alta solo le stesse dell’ipertensione arteriosa e le cose vanno di pari passo.

Una dieta scorretta e una vita poco attiva non sono raccomandabili per chi soffre di pressione minima alta. Fumo, alcol e consumo di bevande nervine in dosi elevate come caffè, thè e bevande energetiche andrebbero evitate.

L’essere in sovrappeso o obesità, molto spesso, provoca l’accumulo all’interno delle pareti delle grosse arterie di colesterolo che genera un ostacolo al flusso sanguigno generando un aumento della pressione.

Anche lo stress e le malattie renali possono giocare un ruolo importante nella patologia perché alterano e rialzano i valori della pressione minima come anche una disfunzione tiroidea che andrebbe diagnosticata.

Tuttavia, esistono alcuni farmaci come gli anticoncezionali, i cortisonici, gli antinfiammatori non steroidei, decongestionanti nasali possono provocare un aumento della pressione arteriosa.

La pressione minima alta può essere causata da elevati livelli di colesterolo nel sangue e per saperlo con esattezza dovrete effettuare delle normalissime analisi del sangue che misureranno: colesterolo totale, colesterolo HDL, LDL e trigliceridi. Una volta accertato che il livello è alto si deve necessariamente cambiare stile di vita!

La linea di demarcazione tra causa e fattori di rischio, in queste situazioni è molto sottile. Infatti, i medici tendono a distinguere le cause in due gruppi: primarie e secondarie.

Le secondarie sono praticamente quelle che vi abbiamo elencato finora; le primarie sono legate a particolari patologie come morbo di Cushing (alterazione della produzione di ACTH), neoplasie, patologie autoimmuni, malformazioni congenite, particolari farmaci, abuso di droghe come cocaina o diverse droghe sintetiche di “moda”.

Ma come capire se soffriamo di pressione arteriosa alta?

Per capirlo bisogna misurare la pressione arteriosa con un apposita strumentazione. La pressione può essere misurata dal proprio medico di famiglia o dal farmacista e per tenere sotto controllo quotidianamente la pressione si possono acquistare degli appositi misuratori direttamente nella vostra farmacia di fiducia.

Ci sono misuratori da polso e da braccio, i migliori sono quelli da braccio perché forniscono una misurazione più accurata della pressione arteriosa. Quelli da polso sono un po’ meno affidabili perché dopo un certo numero di misurazioni si starano e necessitano di essere sottoposti a manutenzione.

Quali sono i momenti più adatti per misurare la pressione? Innanzitutto per controllare la pressione arteriosa ad accertarsi se si soffre o meno di ipertensione arteriosa bisogna effettuare un periodo di monitoraggio assiduo. Misurate tre o quattro volte al giorno la pressione preferendo alcuni momenti specifici.

Evitate di misurare i valori al mattino, in quanto appena svegli la pressione è più alta rispetto al resto della giornata perché il corpo deve iniziare ad attivarsi. Misurate i valori della pressione nelle ore tra i pasti (non misurate la pressione immediatamente dopo aver mangiato) e la sera.

Nelle ore serali i valori della pressione sono quelli reali. Sedetevi per qualche minuto e procedete alla misurazione, evitate di misurare la pressione se siete troppo affamati o se dovete andare in bagno, evitate le misurazioni dopo il caffè e le sigarette e, soprattutto, se pensate di soffrite di ipertensione è bene che iniziate a smettere di fumare e bere troppi caffè.

La nicotina ha un effetto dannoso sulla pressione arteriosa perché riduce l’apporto di ossigeno alle nostre cellule, accelera il battito cardiaco e restringe i vasi sanguigni.

Leggi anche: Sapevi che l’ipertensione può causare le apnee notturne?

Pressione minima alta: cosa fare e come agire? 

Innanzitutto bisogna rivolgersi al proprio medico di famiglia che eventualmente vi prescriverà una terapia farmacologica con farmaci capaci di ripristinare la pressione arteriosa ottimale per il corpo.

Essendo le cause dell’ipertensione varie e disparate, non sempre la terapia scelta in prima istanza dal medico si riveli veramente efficace, ma il medico potrà cambiarvi molte volte il regime terapeutico prima di giungere a quello definitivo ed efficace per la vostra situazione.
Pressione alta cosa fareOvviamente, prima iniziate una dieta sana, una discreta attività fisica e smettere di fumare più semplice sarà il raggiungimento dei valori normali della vostra pressione arteriosa.

Cercate di prediligere una dieta povera sodio, limitando il consumo di sale, cibi insaccati, inscatolati, cibi pronti, salse, condimenti vari ed eventualmente assumete integratori a base di magnesio e potassio.

Buone fonti alimentari di potassio sono: le banane, gli asparagi, i cavoli, le mele, le arance, cipolle, aglio, prezzemolo, sedano. Bevete molta acqua e cercate di urinare di frequente.

Rimedi naturali per abbassare la pressione: ecco i migliori

In questo elenco che ho realizzato vi riporto le principali prescrizioni a base di integratori alimentari e rimedi vegetali utili per abbassare la pressione arteriosa.Rimedi naturali pressione minima alta

  • Vitamina C. La vitamina C o acido ascorbico è un potente antiossidante dotato di una discreta proprietà antipertensiva. Aiuta l’organismo a “spegnere” i radicali liberi ed eliminare metalli tossici come il piombo che causano ipertensione. La dose giornaliera da assumere è di 1-2 g al giorno;
  • Calcio e magnesio. Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che l’assunzione di 500 mg di calcio e 350 mg di magnesio sono efficaci per ridurre i valori di pressione arteriosa;
  • Potassio. Il potassio è forse il minerale più noto per abbassare la pressione arteriosa, infatti una delle raccomandazioni che molti nutrizionisti fanno è quella di sostituire il cloruro di sodio (il normale sale da cucina) con un analogo sale a base di potassio. In alternativa, è possibile assumere fino a 2 g di sali di potassio come integratori al giorno. Questo rimedio è sconsigliato se assumete diuretici risparmatori di potassio come spironolattone, canrenoato di potassio oppure se soffrite di cardiopatie e nefropatie. Qui puoi trovare gli alimenti più ricchi di potassio che è consigliato assumere se soffri di pressione alta;
  • Aglio. L’aglio ha la proprietà di regolarizzare la pressione arteriosa e di ridurre la formazione di placche aterosclerotiche. Inoltre, grazie alla presenza dell’allicina e di altre sostanze è in grado di ridurre la possibilità di trombi e coaguli mediante la riduzione dell’aggregazione piastrinica. La dose giornaliera da assumere è di 600 mg di estratto secco d’aglio due volte al giorno;
  • Biancospino. Il biancospino è considerato un “sedativo del cuore” perché le sue foglie e i suoi fiori contengono principi attivi in grado di esplicare attività antiaritmiche e cardiotoniche. Inoltre, è capace di ridurre le resistenze periferiche cioè la forza contraria che esercitano i vasi contro il flusso sanguigno grazie alla presenza di alcuni flavonoidi naturali quali la vitexina e l’iperoside oltre che una serie di procianidine. Il biancospino andrebbe assunto in compresse da 250 mg ciascuna tre volte al giorno;
  • Vischio. Questa pianta è molto efficace per la cura dell’ipertensione in quanto, come il biancospino, provoca la diminuzione delle resistenze periferiche agendo sull’attività del sistema nervoso parasimpatico;
  • Coenzima Q10. Secondo alcuni studi questo nutriente risulterebbe efficace nel ridurre la pressione sanguigna ed esercitare importanti benefici per il cuore. E’ consigliato assumere 100 mg di integratore alimentare a base di coezima Q10 due o tre volte al giorno;
  • Olio di fegato di merluzzo. Questo rimedio, se assunto per lunghi periodi di tempo, ha un effetto benefico sulla riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue contribuendo all’abbassamento della pressione arteriosa. La dose giornaliera raccomandata è di 1 g al giorno.
Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice del blog Salutarmente.it. Laureata in Farmacia con lode, da sempre appassionata da tutto ciò che riguarda la salute, l'alimentazione e il benessere.

23 COMMENTI

  1. Buongiorno
    E qualche giorno che tengo sotto controllo la pressione la massima e 145 la minima 100/105
    Cosa devo fare?
    Grazie

    • Ciao Clara, per un’interpetazione più accurata dei tuoi valori ti consiglio di chiedere un consulto con il tuo medico. I valori della pressione, presi singolarmente, non possono darci una visione chiara del nostro stato di salute se non messi in relazione ad altri parametri come età, alimentazione, attività fisica, assunzione di farmaci ecc. Parla con il tuo medico, saprà sicuramente dirti cosa fare ed eventualmente iniziare una terapia farmacologica. Tienimi aggiornata.

    • Ciao Salvatore, per toglierti ogni dubbio e stare più tranquillo ti consiglio di parlare con il tuo medico. Anche una condizione continua di ansia e preoccupazioni non giova alla pressione.

  2. E che devo dire? Su 2 domande nn ha risposto a nessuna,se nn dicendo di chiedere al medico! A che serve questa chat se nn si dà un minimo di indicazione? Mmaaa

    • Ciao Salvatore, innanzitutto questa non è una chat ma un luogo dove è possibile chiedere informazioni per essere indirizzati verso una scelta migliore e consapevole per la propria salute. Secondo la deontologia professionale, non è assolutamente ammesso eseguire diagnosi via web e dovrebbero capirlo in tanti. Mi dispiace che reputi assurdo andare dal medico ma credimi è quasi sempre la soluzione migliore specie per i problemi seri come questo. Buona giornata.

  3. Ciao sono Michela ho la pressione alta la massima a 170 e a minima a 102 la massima non scende al di sotto dei 40 e la minima non scende sotto dei novanta così mi consigli? Ho 44 anni

    • Ciao Michela, non capisco perché la tua pressione massima dovrebbe scendere al di sotto dei 40. Per il resto effettivamente la pressione è un po’ alta e poiché le cause di un suo aumento possono essere tante ti consiglio di farti visitare dal medico per un’analisi approfondita.

    • Ciao Claudio, i singoli valori possono dire poco sul tuo stato di salute perché sarebbe necessario tenere in considerazione molti altri parametri (età, stile di vita, assunzione di farmaci ecc). Per una valutazione accurata della tua pressione ti consiglio di recarti dal tuo medico di famiglia per una nuova misurazione.

  4. E’ un buon articolo e sto già seguendo le indicazioni con una dieta povera di sodio, 90% vegetale e 10% pesce. Non mi sembra di essere stressato o ansioso, dormo circa 7 ore e mezza ogni notte, più di 6 di sonno profondo. Ho fatto le analisi del sangue e sono stato dal cardiologo, il cuore sta bene, ho valori alti di trigliceridi, colesterolo e tendo alla glicemia alta. Ora sono in cura con mezza pasticca di Enalapril al mattino e mezza pasticca di Nebivololo la sera (in precedenza ho usato anche Amlodipina).
    Ho aggiunto di mia iniziativa degli integratori, stando attento alle interazioni con i due farmaci, quindi 800mg di Biancospino, 800mg di Harpagophytum, e 6000 mg di allicina (integratore di aglio concentrato). Mi faccio ogni giorno 1 o 2 tisane ipotensive o drenanti, alle 16.30 e alle 22.00 che possono essere karkadè, tiglio, malva, melissa, equiseto, betulla, the verde, e ci aggiungo zenzero fresco a spicchi. A breve aggiungerò un integratore di olio di lino perché Omega 3, 6 e 9 mi aiuterebbero ad abbassare trigliceridi e colesterolo. Ogni tanto prendo una settimana di integratore in bustina di magnesio e potassio. Sono molto determinato e credo di fare anche più del normale, eppure ho ancora uno stato di ipertensione: sistolica tra 140 e 150, e diastolica tra 90 e 100, in rare occasioni vedo che i valori scendono al di sotto. La combinazione dei due farmaci doveva farmi più effetto ma l’unica cosa notabile è stata abbassare i battiti cardiaci, passando da 75/85 agli attuali 65/70.
    Sono abbastanza deluso, devo provare con lo sport, è l’unica cosa che al momento non sono riuscito a cambiare nel mio stile di vita, vivo facendo meno di 1000 passi al giorno (si, monitoro tutto con una fitband, per questo ho i dati anche delle ore notturne). Che altro potrei fare?

    • Ciao Marco, grazie per apprezzamento dell’articolo. Stai già facendo molto per riportare la tua pressione sanguigna nei limiti della normalità. Lo sport è senza dubbio l’attività più consigliata e non solo in questi casi. Altra cosa che puoi fare è sicuramente rientrare nel peso forma qualora tu sia in sovrappeso. Tieni conto che i fattori che possono incidere sulla tua pressione sono molti ed alcuni anche ormonali che non possono essere corretti seguendo uno stile di vita sano.

  5. Salve, sono un 55enne, dopo la perdita del lavoro ho attraversato un periodo di molto stress e nonostante ciò la mia pressione, controllata regolarmente, si é sempre attestata sui seguenti valori : 140 max e 70 minima anche successivamente ad un aumento di peso conseguente ad una riduzione della attività fisica. Una settimana fa nel controllare la pressione la minima era arrivata ad 88. La mia dottoressa mi ha consigliato di diminuire di peso e di stare attento alla alimentazione. La mattina seguente, ho provveduto a farmi una passeggiata veloce di 90 minuti e sono corso alla prima farmacia per misurarmi la pressione alle ore 9.30, subito dopo avere interrotto l attività aerobica e la pressione minima misurava addirittura 95 con enorme stupore. Ho sbagliato a misurare la pressione subito dopo l attivitá fisica e di mattino presto?

    • Ciao Luigi, la pressione che hai misurato dopo l’attività fisica non corrisponde alla realtà in quanto l’attività fisica la fa aumentare.

  6. Buonasera assumo una terapia giornaliera con una compressa al mattino di beta bloccante (nebivololo da 5 mg) Di frequente mi sveglio nel cuore della notte con tremori tipo brividi da freddo e improvvise vampate di calore alla testa. Ho notato anche durante queste “crisi” di battere i denti e stringere la mascella. Non sono un tipo ansioso quindi ho escluso possa trattarsi di ansia o panico però ammetto che questi episodi mi cominciano a preoccupare. Ho 39 anni purtroppo fumatrice e normopeso. L’ultima misurazione pressoria notturna era 145/95. Può consigliarmi o indicarmi cosa potrebbe essere e se è il caso di consultare il medico. Grazie anticipatamente.

    • Ciao Anna, obiettivamente la tua situazione è abbastanza delicata e merita la giusta attenzione di un medico specialista. Ti consiglio di rivolgerti a lui per un controllo a 360° che riguardi non solo le terapie farmacologiche che stai seguendo ma anche eventuali abitudini comportamentali. Un saluto, Maria.

  7. Buonasera.
    Mio figlio ha la pressione massima a 125 e la minima a 93. C’è da dire però che la minima oscilla tra i 90 ai 93-97. e questo nel giro di pochi minuti dalla prima misurazione. Sono molto preoccupata perché ha solo 29 anni.

    • Ciao Annalisa, capisco perfettamente la tua paura. Poiché la pressione arteriosa può essere influenzata da molteplici fattori la cosa più saggia da fare è quella di sottoporlo ad una visita medica, meglio se da un cardiologo.

  8. Salve dopo una visita dal cardiologo approfondita con eco del cuore della orta addominale e delle vene che passano sul collo, insomma una visita fatta bene, alla fine mi ha preso la pressione e stava a 100/160. Mai avuta cosi Alta, un mese prima ero stato al pronto soccorso per un dolore e nonostante l agitazione e le nove di sera la pressione stava a 80/136. Ora mi sto fissando che aoffro di pressione!! Il cardiologo voleva darmi la pasticca !! Ho fatto l holter pressorio e non ho mai avuto picchi del genere nell arco delle 24 ore. Sto passando un fortissimo periodo di stress mi sto aiitando con il biancospino e faccio attività fisica. Stamattina dopo nove km di camminata e una doccia avevo la min a 82 e la max a 127. Mi sto fcendo prendere dall ansia e ho paur che dovró prendere la pasticca ma non mi va.
    Dimenticavo di dire che l visita è andata benissimo. Il cardiologo non ha riscontrato nulla! Anzi il mio cuore e le vene sono in ottimo stato

    • Gentile Sig. Agostino, alla luce di quanto scritto non credo che lei soffra di pressione alta. Quel valore alterato nello studio del dottore credo sia molto influenzato dall’ansia, infatti poi l’holter non ha dato segni di alterazione. Lo stress sicuramente non aiuta a mantenere la pressione bassa e quindi fa benissimo a tenere tranquillo il cuore con il biancospino. Cerchi di non vivere con la paura perché non l’aiuta, anzi potrebbe solo peggiorare la situazione. Se anche il suo cardiologo l’ha trovata bene allora ha due persone di cui fidarsi ;). Buona serata.

LASCIA UN COMMENTO