Lo Stress fa Dimagrire? Scopri Se e Come Può Portare ad una Perdita di Peso!

Lo stress fa dimagrire o fa ingrassare? Non è possibile dare una risposta univoca a questa domanda, ma quello che è certo è che qualsiasi interferenza con il nostro stato psicofisico legato a situazioni stress può incidere sul nostro modo di alimentarci e di assimilare il cibo.

Ci sono presone che affermano che quando sono sotto stress dimagriscono perché l’appetito viene meno, altre invece ammettono di mangiare di più quando sono sotto pressione. Come si vede la risposta è individuale.

Ma perché lo stress fa ingrassare? Responsabile di questo è NPY, il neuropeptide Y, il quale in periodi di particolare tensione emotiva provoca un maggiore accumulo di grasso all’interno delle cellule adipose.Stress fa dimagrire

Fonte foto: mirror.co.uk

Fino ad ora, quest’ormone era noto per il suoi effetti centrali di regolazione dell’appetito ma recentemente si è visto che ha anche effetti secondari sull’accumulo di adipe in condizioni di particolare stress.

Se a questa situazione ne associamo un’altra di una possibile fame nervosa, il gioco è fatto: l’aumento di peso sarà inevitabile.

Questo è il motivo medico-fisiologico per cui lo stress fa ingrassare, vediamo insieme come lo stress fa dimagrire nel corso di questo articolo.

Voltiamo pagina!

1
2
Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice del blog Salutarmente.it. Laureata in Farmacia con lode, da sempre appassionata da tutto ciò che riguarda la salute, l'alimentazione e il benessere.

2 COMMENTI

  1. Volevo fare alcune domande. Se sono stressato ma seguo una dieta preparatami da un nutrizionista dimagrisco ugualmente?2)l ansia ha una natura genetica?

    • Ciao Rossano, ci sono diversi studi che dimostrano che lo stress ha ripercussioni negative sulla nostra salute e numerose evidenze scientifiche dimostrano che può rendere difficoltoso (e in alcuni casi vano) il dimagrimento. Ovviamente molto dipende dal fisico e quindi dal modo con cui il corpo si adatta a questi stimoli stressogeni. 2) L’ansia non ha una componente genetica se intendi il fatto che sia trasmissibile, bensì rappresenta un’istinto innato del nostro organismo alla conservazione. In sostanza, l’ansia attiva dei meccanismi che inducono l’organismo a proteggersi da un eventuale pericolo che è l’oggetto scatenante le nostre preoccupazioni.

LASCIA UN COMMENTO