Rucola Selvatica: Proprietà e Benefici

La rucola è un pianta diffusissima nella nostra alimentazione, alleata di molti regimi alimentari ipocalorici ed onnipresente nelle nostre insalate miste.

Forse pochi sanno che la rucola che acquistiamo dal fruttivendolo è la rucola comune e non la rucola selvatica che ha un gusto decisamente diverso nonché proprietà e benefici straordinari.

Oggi vi parleremo proprio della rucola selvatica o ruchetta, un’erba che è da sempre parte dei rimedi officinali e che, oltre ad essere un alimento eccezionale, racchiude in se proprietà benefiche per il nostro organismo che possiamo sfruttare per risolvere piccoli disturbi di salute in maniera assolutamente naturale e senza dover ricorrere all’uso di farmaci.

Vediamone insieme le proprietà della rucola selvatica, i suoi punti di forza e, nel caso fossero presenti, quelli di “debolezza”, avendo sempre un occhio d’attenzione per quelli che sono i benefici che può portare non solo a livello dietetico, ma anche a livello di salute generale.

Cos’è la rucola selvatica?

Quando parliamo di rucola selvatica o di rucola officinale ci riferiamo a quella che in botanica è chiamata Diplotaxis muralis. Si tratta di una pianta appartenente alla famiglia delle Cruciferae spontanea, che è diffusa nel nostro paese praticamente ovunque, sia in montagna che in pianura.

Questa pianta può essere facilmente coltivata anche nel proprio orto ma quella selvatica cresce anche spontanea nei muretti e nei campi incolti. Si considera da sempre un’erba medica, in quanto portatrice di diverse proprietà benefiche per il nostro organismo.

Secondo i nostri antenati, oltre a far generalmente bene all’organismo, era anche un ottimo afrodisiaco naturale, ma di questo parleremo più avanti.

Voltiamo pagina per scoprire quali sono le differenze tra la rucola comune e quella selvatica

1
2
3

Leggi Anche:

LASCIA UN COMMENTO