Le Mele Fanno Ingrassare? Calorie e Proprietà

Quando ci si mette a dieta i dubbi riguardo gli alimenti consentiti e quelli vietati aumentano in maniera esponenziale. In particolare, c’è molta confusione riguardo il consumo di frutta, soprattutto per frutti comunissimi come ad esempio le mele.

Le mele fanno ingrassare? Sono permesse in un regime alimentare ipocalorico? Quante calorie hanno?

Nei prossimi paragrafi analizziamo quali sono le proprietà nutrizionali di questo frutto, sinonimo di salute e benessere come appunto recita il motto: una mela al giorno toglie il medico di torno.

Una cosa è certa: non esiste l’alimento perfetto ma ciò che bisogna sempre considerare sono le quantità che si assumono non tanto l’alimento in sé.

Se stai cercando prodotti naturali per dimagrire, ti invito a leggere la nostra selezione di prodotti in promozione questo mese cliccando il link sottostante.

Proprietà nutrizionali delle mele: quali sono?

Il melo appartiene alla famiglia delle Rosacee il cui nome scientifico è Malus communis e può raggiungere fino agli 8 metri d’altezza. Originario dell’Asia centrale, questa pianta affonda le sue origini nel Neolitico e ad oggi ne esistono 2000 varietà.

Il frutto si può trovare in ogni periodo dell’anno, tuttavia la maturazione naturale si colloca da fine agosto fino a metà settembre. In seguito alla raccolta le mele si conservano a basse temperature, comprese tra gli 0 e i -4°C per giungere sempre fresche sui banchi del mercato ed essere disponibili praticamente tutto l’anno.

le mele fanno ingrassareQuali sono le proprietà nutrizionali della mela? Questi frutti sono composti per l’85% di acqua, mentre il resto della sua composizione è costituito da zuccheri semplici come fruttosio e una buona quota di vitamine, in particolare la vitamina A e la vitamina C.

Più precisamente la mela è composta (per 100 g di prodotto) da circa 85 grammi d’acqua, 0.2 grammi di proteine, 11 grammi di zuccheri di diverso tipo, tra cui fruttosio, glucosio, e saccarosio, 2 grammi di fibre, 0.1 grammi di grassi. Inoltre, è un frutto che può essere considerato una vera e propria miniera di sali minerali come potassio, zolfo, fosforo, calcio, magnesio, sodio, ferro, oltre a tracce di rame, iodio, zinco, manganese, e silicio).

Tutte queste sostanze svolgono un’azione sinergica per combattere l’ inappetenza, la stanchezza e il nervosismo, oltre a facilitare la digestione, proteggere le mucose della bocca e dell’intestino e rinforzare capelli e unghie.

Le proprietà nutrizionali della mela non finiscono qui: sia nella polpa che nella buccia sono presenti eteri, alcoli, tannini, aldeidi e un elevato numero di terpeni, i quali permettono di differenziare le varie specie di mela in commercio. Troviamo infatti la Golden delicius, la Red delicius, la Stark delicius, Bella di Roma, la mela Jonathan, la Renetta del Canada, la Renetta ruggine e infine la Granny Smith.

Analizzate le proprietà nutrizionali di questo straordinario frutto, viene da chiedersi: quante calorie ha una mela?

Quante calorie ha una mela?

Abbiamo appena visto le proprietà nutrizionali di questo frutto tanto famoso in tutto il mondo. E per quanto riguarda le calorie contenute in questo cibo? Il totale delle calorie è di circa 45-50 calorie per ogni 100 grammi, dunque sono davvero poche e per questo la mela presenta un ottimo frutto per le persone in sovrappeso oppure affette da obesità.

Sebbene la frutta in generale provochi un po’ di gonfiore addominale a causa della fermentazione non si può dire che quella in questione sia un cibo grasso e da evitare.

La mela non è quindi sconsigliata a chi deve o desidera dimagrire, anzi, tutte le proprietà nutrizionali elencate nel paragrafo precedente ne fanno un alimento sano in grado di contrastare diverse problematiche.

Ad esempio, gli specialisti ne prescrivono il consumo nei casi di ritenzione idrica, di patologie renali e di quelle cardiache. Inoltre la mela dona senso di sazietà, che aiuta chi deve introdurre poche calorie nel proprio menù.

Grazie al suo contenuto di fibre ha un effetto prebiotico che aiuta a regolare la flora batterica intestinale. Le fibre, oltre a favorire il transito intestinale e quindi essere d’aiuto nei casi di stipsi, aiutano a mantenere sotto controllo il colesterolo riducendone i livelli nel sangue. A ricoprire tale funzione è in particolare la pectina, la cui presenza nell’organismo riduce il rischio di ictus e anche di cardiopatie.

La pectina permette di ridurre anche i livelli di glicemia nei pazienti diabetici e contrasta la diarrea, in quanto i batteri la trasformano in una sorta di pellicola protettiva per le pareti intestinali: se tali pareti sono irritate a causa della dissenteria la pectina permette di trovare sollievo e contrastare il problema.

Le mele contengono anche ottime quantità di polifenoli, che riducono il rischio di patologie intestinali come la diverticolosi del colon, delle vene, le varici, e alcuni tipi di tumore. Tali sostanze riducono la possibilità di il rischio di tumori del cavo orale, del seno, dell’esofago, delle ovaie e anche della prostata: uno studio americano ha svelato che anche la buccia delle mele, in particolare quella delle mele Red Delicius, avrebbe proprietà antitumorali, grazie alla presenza di molecole a struttura triterpenoidica, che agiscono riducendo la possibilità di sviluppare cancro al fegato, al colon e al seno.

La mela e l’asma: che relazione c’è?

Tutte le proprietà elencate sino a questo momento conferiscono altri benefici di cui non abbiamo ancora parlato: è proprio vero che una mela al giorno leva il medico di torno. Infatti un altro studio effettuato su circa 2000 persone ha provato che una dieta povera di vitamine e alti elementi contenuti in questo frutto peggiora notevolmente i sintomi legati all’asma, specialmente se si tratta di giovani o fumatori.

Ciò perché le sostanze chimiche contenute nelle mele possono aiutare a depurare le vie respiratorie. Per ottenere questo effetto bisogna assumere le dosi giornaliere raccomandate di frutta e verdura, vitamine A e E, beta carotene e omega-3. Ecco perché viene raccomandato dagli esperti il consumo di almeno una mela al giorno, frutto equilibrato e poco calorico.

Oltre a depurare le vie respiratore le mele possono depurare tutto l’organismo dalle sostanze tossiche e per questo motivo gli esperti di nutrizione suggeriscono di inserirla nella propria dieta, soprattutto per coloro i quali vivono in città particolarmente soggette all’inquinamento.

Per dimagrire servono pochi prodotti mirati: serve il Pacchetto Dimagrimento Pro!

Il Pacchetto Dimagrimento Pro è stato realizzato con la collaborazione di professionisti della salute. Hai la garanzia di prodotti di qualità certificata FoodSpring!

Richiedilo Subito con uno sconto del 18%!

Le mele fanno davvero ingrassare?

Abbiamo visto che le mele hanno davvero moltissime proprietà legate all’alto contenuto di vitamine e sali minerali, oltre che di acqua: assumere almeno una mela al giorno è davvero consigliato, anche per chi è affetto da diabete, grazie al basso contenuto di zuccheri.

Anche le calorie contenute nella mela sono poche, dunque si può dire che, nonostante si tratti di un frutto zuccherino ma nemmeno tanto, può essere inserito in un’alimentazione sana e in un regime alimentare ipocalorico.

Assumere almeno due frutti al giorno è consigliato da tutti i nutrizionisti, mentre noi vogliamo consigliarvi di farvi seguire e consigliare da un esperto durante una dieta ipocalorica e soprattutto vi consigliamo di non fidarvi delle diete fai da te millantate da riviste cartacee e online.

In vista dell’estate non è raro trovare menù e articoli che affermano che non solo la mela non fa ingrassare, ma è possibile dimagrire seguendo le “diete della mela”.

Per quanto mangiare solo frutta per qualche giorno possa sembrare un ottimo modo per dimagrire e depurarsi noi vi ricordiamo che un’alimentazione varia e sana unitamente ad una attività fisica costante e all’assunzione di almeno due litri di acqua al giorno sono gli unici modi per perdere peso e tenere il proprio peso sotto controllo.

Leggi Anche:

5 COMMENTI

  1. Buongiorno,gentilmente mi piacerebbe sapere se è preferibile, in regime di dieta, assumere la frutta cotta o cruda.

    Grazie.

    Piera Marini

    • Ciao Piera, in genere consiglio la frutta fresca perché più saziante e molto ricca di vitamine che si possono perdere con la cottura. La frutta cotta invece la consiglio quando non si riesce a mangiare quella fresca (magari perché non la si tollera nei periodi più freddi) e se si hanno problemi di stitichezza molto forti.

  2. Grazie per la risposta tempestiva e complimenti per il blog che ho trovato molto interessante! Buon proseguimento

LASCIA UN COMMENTO