Pomata per Candida: Come Sceglierla? Quale Usare?

La candida è sicuramente una delle malattie più fastidiose che possono colpire gli organi genitali sia femminili e, anche se più raramente, anche le altre parti del nostro organismo. Ma cosa bisogna fare di preciso quando ci accorgiamo di avere la candida?

E’ proprio di questo argomento che ci occuperemo oggi nel nostro articolo. Più precisamente andremo a vedere insieme come funziona la pomata per la candida, quali sono i trattamenti previsti per questo problema e quali sono i farmaci che non necessitano della prescrizione medica.

Che cos’è la candida? Da cosa è causata?

La candida è una delle tante condizioni patologiche causate dalla presenza di un fungo (Candida albicans) che può colpire il nostro organismo. Più precisamente si tratta di una micosi che può colpire qualsiasi parte del nostro corpo, ad esempio abbiamo la candida intestinale, esofagea, vaginale e così via.

Generalmente si fa una distinzione tra candida orale e vaginale, ma oggi non ci soffermeremo sui vari tipi di candidosi, piuttosto vedremo come possiamo capire di essere affetti da una candida e quali sono le cause e i trattamenti previsti per curarla.

Il fungo responsabile della candida si chiama proprio Candida albicans e si trova nell’80 per cento delle persone anche se godono di un buono stato di salute, vivendo in completa simbiosi con il loro organismo e prendendo parte, addirittura, anche alla digestione degli zuccheri.

Tuttavia, ci sono molti altri fattori di rischio che possono incentivare la comparsa della candida nell’organismo di una donna, o di un uomo, tra questi ricordiamo soprattutto quelli citati in seguito:

  • L’assunzione di alcuni farmaci, soprattutto gli antibiotici, favoriscono la comparsa della candida vaginale;
  • La presenza di alcune malattie che colpiscono il nostro sistema immunitario, indebolendo, quindi, le difese dell’organismo;
  • Una situazione particolarmente stressante;
  • Una scarsa igiene dei genitali;
  • La presenza di una gravidanza;
  • Il fatto di aver avuto rapporti sessuali con un individuo portatore della Candida albicans.

Quali sono i sintomi principali della candida?

Come accade per qualsiasi altra condizione patologica, anche quando siamo affetti dalla candida, vaginale e non solo, possiamo accorgercene riconoscendo soprattutto il quadro sintomatologico con cui essa è solita manifestarsi.

Come abbiamo già accennato nell’introduzione, si tratta anche di una malattia particolarmente fastidiosa, specialmente quando si ha a che fare con la candida vaginale, e possiamo dire che è praticamente impossibile non accorgersi dei suoi sintomi.

Dunque, i sintomi principali di questa malattia così fastidiosa, tutta (o quasi tutta) femminile, sono quelli citati in seguito:

  • Perdite biancastre dalla consistenza molto simile a quella della ricotta;
  • Prurito alla vagina per tutta la durata della malattia;
  • Eritema vaginale;
  • Una costante sensazione di fastidio;
  • Perdita della libido, ossia dell’interesse sessuale;
  • Un forte bruciore e dolore durante l’atto della minzione;
  • Sensazione di affaticamento ed irritabilità.

Cosa dobbiamo fare nel momento in cui ci rendiamo conto di avere la candida?

Intuibilmente, nel momento in cui ci siamo riconosciuti in uno o più dei sintomi di cui abbiamo parlato sopra, ossia dei sintomi tipici della candida, sarà il caso di contattare il medico o il ginecologo.

Sarà poi il medico o, comunque, lo specialista, a determinare la gravità della tua situazione, facendoti una visita accurata e prescrivendoti i migliori farmaci di cui avrai bisogno per risolvere il problema.

Solitamente la prescrizione del medico per la candida vaginale comprende anche dei particolari ovuli per ripristinare la flora batterica della vagina, ma ci occuperemo meglio dei farmaci per la candida nel paragrafo successivo.

Quali sono i farmaci e le pomate più utilizzati per il trattamento della candida?

Una volta che sarai dal medico e ti avrà sottoposto alla visita per stabilire se si tratta di una candida oppure no, appena accertata la micosi, ti verranno somministrati dei farmaci particolari per il suo trattamento, tra cui le seguenti categorie:

  • Gli antimicotici polienici sono una categoria di farmaci che viene largamente utilizzata per il trattamento delle candidosi sistemiche. Tra questi farmaci ricordiamo soprattutto l’amfotericina B in forma di crema per uso topico. Tra gli antimicotici polienici abbiamo anche la nistatina, in forma di compresse, particolarmente adatta per le candidosi intestinali, del cavo orale e quelle esofagee;
  • Le Echinocandine sono un’altra classe di farmaci che agisce direttamente contro i miceti della candida. Tra questi ricordiamo soprattutto il Cancidas e il Mycamine, entrambi sono prodotti in polvere che vanno assunti per infusione;
  • Gli Antimicotici Azolici sono altri farmaci che il medico prenderà in considerazione per debellare la candida in quanto hanno anche un ampio spettro di azione. Tra questi farmaci ricordiamo soprattutto gli Imidazolici e i Triazolici che si presentano per un uso topico, orale e vaginale. Infatti in questa categoria si trovano dei farmaci in polvere, sotto forma di pomata che va applicata direttamente sulla zona colpita e, infine, in formato liquido.

Per ognuna di queste categorie sarà il medico, o comunque lo specialista a selezionare i farmaci più adatti per il tuo problema, ad esempio, nel caso di una candida vaginale sicuramente ti prescriverà degli ovuli appositi.

Una delle pomate più efficaci per il trattamento della candidosi vaginale è sicuramente la famosa Canesten® e la Gyno-Canesten® a base di clotrimazolo, oppure il Micatin® a base di miconazolo.

Generalmente le pomate per la candida comprendono anche degli appositi applicatori in modo tale da facilitartene l’applicazione interna, soprattutto ne caso di una candida vaginale.

E’ di fondamentale importanza seguire tutte le indicazioni del medico affinché la condizione patologica venga debellata e si prevengano eventuali recidive della micosi stessa.

Infine, tutti questi farmaci necessitano della prescrizione medica. Tutti gli altri medicinali che comprendono i detergenti per uso esterno (ad esempio il Betadine® in soluzione vaginale), possono essere acquistati senza la ricetta del tuo medico.

In ogni caso puoi anche prendere in considerazione dei rimedi naturali, almeno per alleviare i fastidiosi sintomi della candida. E’ proprio di questo che parleremo nel paragrafo successivo.

Esistono dei rimedi naturali?

Così come accade per qualsiasi altro tipo di rimedio naturale, prima di usare dei prodotti erboristici, è importante chiedere un consiglio al medico, così che sia lo specialista a determinare l’efficacia di questi prodotti che, tra l’altro, possono interferire anche con eventuali farmaci

Tra i rimedi naturali largamente utilizzati per il trattamento della candida ricordiamo soprattutto quelli citati in seguito:

  • L’aloe vera è il prodotto naturale lenitivo per eccellenza, è utile per alleviare prurito e fastidio
  • La malva, allo stesso modo dell’aloe, è un ottimo prodotto naturale lenitivo e disinfettante
  • La frutta è ricca di fermenti lattici, per cui ti consigliamo di mangiarne molta in caso di candida
  • La tisana al finocchio 
  • La tisana all’anice

Come ultima cosa, ma non meno importante, ricordati che, nel caso in cui sei affetto da una candidosi, sarebbe opportuno limitare l’assunzione di cibi dolci, quindi ricchi di zuccheri, perché potrebbero peggiorare la tua situazione

Leggi Anche:

LASCIA UN COMMENTO