Anoressia: Cause, Sintomi e Conseguenze

Esiste un solo tipo di anoressia?

La risposta è no, l’anoressia nervosa è la forma più conosciuta, ma ovviamente esistono differenti sottotipi che si distinguono in relazione ai comportamenti messi in atto per dimagrire.

Vediamo nel dettaglio i due principali:

  • Anoressia da restrizione: il paziente elimina via via sempre più cibi dalla sua dieta, e tra questi per primi quelli più grassi e carnei, dunque i cibi maggiormente responsabili dell’acquisizione di peso;
  • Anoressia con sintomi bulimici (Binge Eating): in questa casistica rientrano quei pazienti che cedono alla fame, e per senso di colpa mettono in atto atteggiamenti per eliminare tutto ciò che hanno introdotto, quindi provocandosi il vomito, assumendo lassativi, o ancora sottoponendosi ad un’esasperata attività fisica. È doveroso però fare una secca distinzione tra l’anoressia con sintomi bulimici e la bulimia, perché nel primo caso l’unico obiettivo è quello di perdere peso nel secondo, invece, è il senso di colpa a spingere verso gesti di svuotamento.

Come si effettua la diagnosi di anoressia? Voltiamo pagina per approfondire. 

1
2
3
4
5
Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice del blog Salutarmente.it. Laureata in Farmacia con lode, da sempre appassionata da tutto ciò che riguarda la salute, l'alimentazione e il benessere.

LASCIA UN COMMENTO