Anoressia: Cause, Sintomi e Conseguenze

Diagnosi: quali sono i criteri per valutare l’anoressia? 

I principali criteri diagnostici si basano sui seguenti sintomi:

  • Magrezza eccessiva: viene calcolato il BMI (Indice di Massa Corporea), ossia il rapporto tra il peso e il quadrato della statura del paziente. A seconda del valore ottenuto si verifica su opportune tabelle l’adeguatezza o meno rispetto a valori fisiologici. Nei pazienti anoressici si può arrivare a pesare circa l’85% in meno rispetto al peso ideale ed avere un indice di massa corporeo inferiore a 1,75 kg/m²;
  • Alterata immagine di sé: è una delle caratteristiche che meglio rappresentano l’anoressia. Il paziente anoressico ha un’errata percezione del proprio corpo, mentre l’immagine che ha degli altri è congrua e corretta;
  • Fobia di ingrassare: questo punto è un altro caposaldo dell’anoressia. Il paziente, come detto, ha un’errata percezione del suo corpo ed è terrorizzato dall’idea di ingrassare;
  • Amenorrea: la forte perdita di peso porta il fisico via via ad una condizione di stress, ed una delle manifestazioni più comuni è l’interruzione del ciclo mestruale per un periodo di almeno 3 mesi (amenorrea) e che può prolungarsi tanto più il quadro clinico è grave.

Perché si interrompe il regolare ciclo mestruale? L’eccessiva magrezza comporta un blocco dell’attività dell’asse ipotalamo-ipofisario e dell’attività delle gonadi.

Nell’anoressia sono poi presenti un numero corposo di sintomi associati, che non servono a fare diagnosi, ma piuttosto a valutare la gravità del singolo caso e a pianificare un adeguato intervento terapeutico e di supporto.

Andiamo ad elencare sotto quali sono questi sintomi:

  • Nello stato iniziale di malattia il soggetto può essere iperattivo e si sente motivato nel vedere che la sua strategia sta portando ad un calo del peso corporeo. Pertanto è frequente che si sottoponga ad intensi allenamenti o stress fisici, fino a che le forze vengono via via a mancare;
  • Dopo un primo periodo di iperattività in cui si sente in forma, con il progressivo venir meno della forza è comune si instauri uno stato di depressione, e quindi di insonnia, stanchezza, malinconia, perdita di piacere e voglia di fare (anedonia) ed una profonda tristezza;
  • Molti pazienti instaurano meccanismi stereotipati e ossessivo-compulsivi nella fase del pasto;
  • Alterazioni negli esami ematochimici dovuti allo stato di malnutrizione: si hanno importanti ripercussioni negative sui globuli bianchi, sul numero di piastrine e sui valori degli elettroliti (condizione di ipopotassiemia e ipocloremia);
  • Chi è colpito da anoressia sviluppa anche disturbi come atteggiamenti di chiusura e inibizioni nei confronti della vita di relazione e nella sessualità;
  • Infine, in uno stato avanzato della malattia si hanno manifestazioni quali il diradamento dei capelli, alterazioni della pelle e delle unghie e la comparsa di un velo di peluria (detto lanugo) sul volto e sulla pancia.

Voltiamo pagina per analizzare le principali terapie che abbiamo a disposizione per curare l’anoressia

1
2
3
4
5
Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice del blog Salutarmente.it. Laureata in Farmacia con lode, da sempre appassionata da tutto ciò che riguarda la salute, l'alimentazione e il benessere.

LASCIA UN COMMENTO