Broncoscopia: Guida Completa all’Esame

La broncoscopia è dolorosa? Fa male?

L’esame della broncoscopia, in genere, non è particolarmente doloroso, ma può essere fastidioso per chi vi si sottopone. Per questo motivo vengono spesso somministrati dei farmaci sedativi e viene utilizzato lo spray anestetico sulla sonda.

Infatti, durante la broncoscopia, il medico posizionerà un accesso venoso, di solito da una vena del braccio, in modo tale da avere la possibilità di somministrare qualsiasi farmaco, compresi quelli rilassanti, nel momento in cui lo ritiene necessario.

Neppure la biopsia, che spesso viene fatta in sede di broncoscopia, provoca particolari dolori al paziente. Infatti, grazie alle manovre e agli strumenti usati dagli specialisti, anche in questo caso avvertirai un certo fastidio.

Ci sono effetti collaterali?

Anche se, come abbiamo detto, durante l’esame si prova un semplice fastidio nei confronti della sonda che attraversa le nostre vie aeree, devi considerare la possibilità di andare incontro a degli effetti collaterali. I più frequenti sono sicuramente quelli citati in seguito:

  • Perdita di sangue dal naso;
  • Difficoltà respiratorie;
  • Rallentamento dei riflessi;
  • Secchezza alla gola e alla bocca;
  • Sanguinamenti ed emorragie ai bronchi e/o ai polmoni;
  • Sonnolenza;
  • Ipossia transitoria.

In ogni caso non avrai nulla di cui preoccuparti perché sicuramente sarai sorvegliato e monitorato dal personale qualificato per tutta la durata dell’esame che, come abbiamo detto, non supera i 30 minuti.

Ci sono dei rischi connessi alla broncoscopia?

Visto che abbiamo a che fare con un esame piuttosto invasivo, devi mettere in conto che, facendo una broncoscopia possono presentarsi dei rischi ben precisi.

Tra quelli più comuni collegati alla broncoscopia ricordiamo soprattutto i seguenti:

  • Aritmie cardiache;
  • Una persistente alterazione della voce;
  • Reazioni allergiche verso i farmaci che vengono generalmente somministrati in questi casi;
  • Bronchite;
  • Dispnea;
  • Polmonite;
  • Eventuali sanguinamenti in seguito ad una biopsia.

Per ridurre i rischi, come abbiamo già detto, è di fondamentale importanza che informi il tuo medico sul tuo stato di salute, soprattutto in riferimento alla presenza di eventuali allergie o intolleranze ai farmaci.

Quanto costa una broncoscopia?

Così come accade per qualsiasi altro tipo di procedura medica, anche il costo della broncoscopia varia in base alla presenza di particolari fattori, ad esempio:

  • La tecnica utilizzata per il nostro esame in particolare;
  • Se ci si rivolge ad una clinica pubblica o privata;
  • La complessità del nostro caso;
  • La strumentazione utilizzata.

Se hai deciso di recarti presso una clinica privata, il costo della broncoscopia può partire dai 40 euro fino ad arrivare a cifre molto più alte, come 450 euro. Se invece ti rivolgi ad una struttura pubblica sarà sufficiente pagare il relativo ticket il cui importo è stabilito a livello regionale.

1
2
3
4

LASCIA UN COMMENTO