Lactoflorene® Fermenti Lattici: Come e Quando Prenderli?

Lactoflorene® è una linea di integratori alimentari a base di fermenti lattici vivi prodotto dalla casa farmaceutica Montefarmaco OTC S.p.A.

Lactoflorene®, inoltre, ha una formula potenziata in quanto al suo interno sono presenti anche le vitamine del gruppo B e lo zinco ed è impiegato per favorire il transito intestinale e riequilibrare la flora batterica intestinale in seguito ad insulti di varia natura.

Lactoflorene® si rivela particolarmente utile quando la nostra flora batterica intestinale intestinale viene messa a dura prova nei periodi di stress, dalla cattiva alimentazione o in seguito a terapie antibiotiche prolungate.

Il prodotto contiene al suo interno tre ceppi batterici opportunamente tipizzati (ovvero quelli provvisti di un codice identificativo) ed un ceppo di transito che sono rispettivamente: Lactobacillus acidophilus (LA-5), Bifidobacterium (BB-12), Lactobacillus paracasei (L.CASEI 431) e Bacillus coagulans.

Lactoflorene® è presente in commercio in flaconcini monodose, in capsule gastroresistenti o in stick monodose orosolubili.

Il prezzo di Lactoflorene® varia a seconda della forma farmaceutica che si utilizza:

  • flaconcini 14,00 euro per una confezione da 12;
  • capsule 14,00 euro per una confezione da 20;
  • bustine orosolubili 12 euro.

Composizione, posologia e modalità d’impiego

Lactoflorene® non è un semplice integratore di fermenti lattici vivi, in quanto esso contiene anche le vitamine del gruppo B e zinco.

Le vitamine del gruppo B assolvono, nel nostro organismo, a svariate funzioni utili al corretto funzionamento del fegato, del sistema nervoso ma soprattutto sono fondamentali per trasformare in energia i carboidrati e per metabolizzare lipidi e proteine.

Tuttavia, ciascuna vitamina del gruppo B svolge una funzione specifica e catalizza reazioni ben precise. Lo zinco è un minerale che svolge un ruolo molto importante a livello del nostro sistema immunitario e protegge le nostre cellule dallo stress ossidativo.

Le capsule di Lactoflorene® sono gastroresistenti per evitare la degradazione dei fermenti lattici a livello dello stomaco ed assicurarsi, in questo modo, che il contenuto delle compresse si dissolva a livello intestinale. Infatti, le compresse sono state formulate associando l’azione acido-neutralizzante del tampone fosfato ed una filmatura esterna.

La composizione di Lactoflorene® capsule è la seguente: gelatina alimentare, destrina di mais idrolizzata, FOS (fruttoligosaccaridi), antiagglomeranti: biossido di silicio, stearato di magnesio, ossido di magnesio; composto Probiotech ABC (Lactobacillus acidophilus, Bifidobacterium, Lactobacillus paracasei, maltodestrina, sodio alginato); agente di carica: cellulosa microcristallina, lievito di birra lisato, sodio fosfato, niacina o vitamina B3, Bacillus coagulans, Idrossipropilmetilcellulosa, calcio pantotenato (vitamina B5), piridossina cloridrato (vitamina B6), acidificante: acido citrico, riboflavina (vitamina B2), tiamina cloridrato (vitamina B1), cianocobalamina (vitamina B12); coloranti: E171, E172; agenti di rivestimento: talco, E1420, glicerolo e gomma lacca.

La composizione di Lactoflorene® flaconcini è la seguente:

  • Nel tappo separatore abbiamo: destrine di mais, composto Probitech ABC (Lactobacillus acidophilus, Bifidobacterium, Lactobacillus paracasei, maltodestrina e sodio alginato); antigglomeranti: biossido di silicio e ossido di magnesio; lievito di birra lisato, Bacillus coagulans, idrossipropilmenticellulosa, sodio fosfato;
  • Nel flaconcino troviamo: acqua demineralizzata, fruttosio, miele, FOS (fruttoligosaccaridi), aromi, conservanti: potassio sorbato e sodio benzoato; niacina(vitamina B3); acidificante: acido citrico, colorante: caramello, calcio pantotenato (vitamina B5), piridossina cloridrato (vitamina B6), riboflavina (vitamina B2), tiamina cloridrato (vitamina B1), cianocobalamina (vitamina B12).

La posologia di Lactoflorene® capsule prevede l’assunzione di due capsule al giorno da assumere preferibilmente lontano dai pasti principali. In caso di difficoltà a deglutire la capsula, è possibile aprirla e versare il suo contenuto in poca acqua (non calda).

La posologia di Lactoflorene® flaconcini prevede l’assunzione di due flaconcini al giorno da assumere lontano dai pasti. Per assumere il flaconcino è necessario che la polvere presente all’interno del tappo finisca nell’acqua. dunque, sarà necessario premere energicamente il tappo con entrambi i pollici oppure appoggiare il flaconcino su un piano e premere il tappo fino in fondo.

Successivamente, agitate bene il flaconcino per solubilizzare tutta la polvere e bevete.

Lactoflorene® è un integratore indicato in tutti quei casi in cui vi è la necessità di ripristinare la flora batterica danneggiata da vari insulti.

Lactoflorene® è indicato in caso di diarrea, stitichezza e in corso di terapie antibiotiche. In quest’ultimo caso, la modalità d’impiego prevede che Lactoflorene® venga assunto lontano dai pasti e lontano dall’antibiotico, onde evitare di vanificare l’effetto. Lactoflorene® deve essere conservato lontano da fonti di calore e di umidità ed è consigliato non eccedere con le dosi raccomandate.

Leggi Anche:

5 COMMENTI

  1. Buonasera. Soffro da un mese di reflusso gastrico. Osservo una dieta corretta ma sono molto stressata per il lavoro e per lutti familiari ed amicali. Non mi giovano i gastroprotettori, palliative le pastiglie di malox-gaviscon. Non fumo, non sono in sovrappeso, non bevo alcol e neppure bibite gassate. Cosa fare? Reiki? Osteopatia viscerale? Training autogeno? Grazie.Marisa

    • Buonasera Sig.ra Maria, certamente gestire lo stress è l’arma vincente. Io dico sempre che lo stomaco è un secondo cervello perché assimila tutte le nostre emozioni (positive e negative).

  2. Buongiorno dott.ssa, volevo sapere per cortesia la differenza tra questo integratore e l’enterogermina. Quest’ultimo integratore basa la sua forza sui miliardi di spore Bacillus Clausii.

    • Grazie per la domanda Nicola, sono molto felice di darle risposta. Enterogermina e Lactoflorene sono entrambi costituiti da fermenti lattici ovvero ceppi di batteri selezionati per ripopolare la flora batterica intestinale. Enterogermina, in particolare, contiene al suo interno spore che hanno subito un’azione di “potenziamento” del DNA (dico così per semplificare) per essere resistenti agli antibiotici anche nel momento in cui si assumono a poca distanza. Questa modifica spiega anche il motivo per il quale Enterogermina è un dispositivo medico mentre Lactoflorene un semplice integratore. Sono molto efficaci entrambi e possono essere tranquillamente utilizzati entrambi durante terapie antibiotiche, pratica che si consiglia sempre. Spero di esserle stata d’aiuto, per qualsiasi cosa non esiti a contattarmi.

LASCIA UN COMMENTO