Milza Ingrossata o Splenomegalia: Cause, Sintomi e Cura

La splenomegalia, o più comunemente detta “milza ingrossata”, è una condizione patologica in cui il volume della milza è notevolmente maggiore rispetto alla norma, al punto che durante una visita il medico è in grado di sentirla palpando l’addome del paziente.

Può essere completamente asintomatica (nel senso che raramente si lamentano sintomi specifici) e spesso il medico se ne accorge solo in sede di visita. Talvolta invece i pazienti lamentano un dolore intenso a livello dell’addome sinistro, al di sotto del costato che necessita di un approfondimento diagnostico per identificare la zona e la causa scatenante il dolore in questione.

Ma cos’è la milza? e quali sono le sue funzioni?

La milza è un organo situato nella porzione sinistra dell’addome e collocata in larga parte al di sotto delle ultime due costole. Si tratta di un organo detto linfoide, poiché tra le sue numerose funzioni vi è quella di produrre anticorpi che servono a contrastare gli agenti patogeni ed i batteri che riceve dal flusso di sangue.

Milza ingrossataSi può dire che ha una funzione di filtrazione del sangue per ripulirlo sia dagli agenti patogeni che dai globuli rossi invecchiati e non più efficienti (funzione quest’ultima detta emocateresi).

Di norma la milza non può essere sentita alla palpazione, se non appunto in condizioni patologiche oppure nei bambini piccoli (condizione quest’ultima del tutto normale).

Passiamo ora ad analizzare nel dettaglio quelle che sono le cause principali di splenomegalia. Voltiamo pagina. 

1
2
3
4
Condividere su:

Leggi Anche

mm
Autrice e fondatrice di Salutarmente.it. Laureata con lode in Farmacia ed esperta di salute, alimentazione e benessere.

LASCIA UN COMMENTO